Contratto scuola, Pacifico (Anief): “Aumenti stipendi, permessi, dignità al personale ATA. Ora 150 euro in più al mese per recupero IVC” INTERVISTA

WhatsApp
Telegram

Sottoscritto definitivamente all’Aran il 18 gennaio il CCNL istruzione e ricerca 2019-21. Il nuovo Contratto prevede aumenti mensili lordi di 124 euro per i docenti, 190 euro per i DSGA e 96 per gli ATA. Tra le novità i tre giorni di permesso retribuiti estesi ai precari e nuovi titoli di accesso per il personale ATA. Tra i firmatari del CCNL 2019-21 Anief. Il presidente Marcello Pacifico spiega a Orizzonte Scuola i motivi che hanno portato a sottoscriverlo.

Quali sono i punti del nuovo CCNL per cui Anief si è maggiormente battuta?

Quello che ha sempre contraddistinto la nostra attività: la tutela dei precari. Quando si discuteva se, in base alle risorse, finanziare due o tre giorni di permesso per i precari come il personale di ruolo, noi abbiamo cercato di farli finanziare tutti e tre. Questo è l’esempio di come un sindacato lotta per la parità di trattamento sancito dalla normativa europea. L’altro grande tema, che per noi è importantissimo, è l’aumento del congedo dei giorni retribuiti per le donne vittime di violenza.
L’altro punto importante è avere finalmente dato dignità e considerazione al personale ATA, il più sottopagato di tutti.
Bisogna guardare gli aumenti del salario accessorio: RPD + 5,2, CIA 8,4, indennità DSGA 39,3%.
L’altra nostra battaglia riguarda la formazione retribuita, un diritto dei lavoratori. Ora lo prevede il Contratto, se non sarà retribuita bene faremo i ricorsi. Nel decreto PA bis siamo riusciti a far utilizzare le risorse per la formazione anche per il personale ATA.

Siete quindi soddisfatti?

E’ vero che alcune richieste Anief non sono state accolte, come il cambiamento sui livelli professionali o buoni pasti, ma è un passo avanti rispetto al precedente contratto.

Sfide future?
In futuro ci sarà la sfida del middle management, cioè tutte quelle figure che svolgono un lavoro diverso dalla didattica frontale e meritano di vedere riconosciuto questo lavoro.
Bisognerà riconoscere l’indennità di sede disagiata, di chi lavora lontano da casa e bisognerà riconoscere il diritto al risarcimento per l’abuso di contratti a termine, nonché il diritto al burnout.
Sulla mobilità abbiamo ottenuto il fatto di cominciare a considerare chi ha bambini sotto i 12 anni, i caregiver, chi assiste parenti con handicap. Si cambieranno le regole. L’obiettivo finale è rimuovere tutti gli ostacoli, affinché chi entra di ruolo dopo anni di precarietà possa ricongiungersi alla propria famiglia.

Gli stipendi invece non bastano mai, ma c’è già alle porte il prossimo CCNL
Questo triennio contrattuale abbiamo dato aumenti quasi il doppio dell’inflazione, recuperando dei soldi rispetto al contratto 2016-18. E’ stato un contratto a perdere rispetto all’inflazione che c’è stata in 15 anni. Dobbiamo continuare a lavorare per recuperare i soldi degli anni passati. Sul periodo 2022-24 bisogna recuperare almeno 4mila euro sull’indennità di vacanza contrattuale prima ancora di aprire le trattative per il prossimo CCNL. Vogliamo recuperare il 50% dell’inflazione e che il governo sblocchi quei 5 miliardi stanziati per il 2024 per allineare l’indennità di vacanza contrattuale. Solo allora e solo se ci saranno risorse aggiuntive, siamo disponibili a chiudere il prossimo contratto. Il lavoro si misura in primo luogo con la sua retribuzione e questa deve essere pari al tenore del costo della vita. Vorremmo che il governo prendesse atto di questo e mensilmente aumentasse le buste paga di altri 150 euro per dare 4mila di arretrati.
L’inflazione fra il 2019-21 è stata del 2,5, gli aumenti sono stati del 4,2, quindi questo contratto non si poteva non firmare e abbiamo firmato. Purtroppo veniamo da una stagione difficile e il risultato raggiunto può non essere chiaro.

Cosa significa per Anief la firma di questo primo Contratto?
Grazie ai nostri studi, al di là dei numeri, siamo tra i sindacati maggiormente rappresentativi. All’Aran, in Parlamento e nei tribunali italiani ed europei abbiamo dimostrato di essere un interlocutore serio e affidabile, che non significa dire sempre sì, ci si può anche scontrare nei tavoli. Cerchiamo di essere propositivi e non ideologici. Questo è quello che è successo anche ai tavoli Aran e continueremo con maggiore determinazione.

Contratto scuola, firmato [TESTO in PDF] Aumenti stipendio da 96 a 190 euro lordi, dai permessi retribuiti alle posizioni economiche per ATA

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00