Contratto dirigenti scolastici, Udir: gli aumenti in arrivo sono ridicoli

di redazione
ipsef

item-thumbnail

UDIR – Si riapre il negoziato sul rinnovo del contratto dei dirigenti scolatici: l’Aran ha convocato i sindacati per martedì 24 luglio alle ore 10. Tra i vari aspetti da affrontare nell’ambito del negoziato – scrive oggi Orizzonte Scuola – c’è quello degli aumenti stipendiali, relativamente ai quali sono state già stanziate apposite risorse nella legge di Bilancio (n. 205/2017): 7 milioni di euro per il 2018; 41 mln di euro per il 2019; 96 a regime dal 2020.

L’aumento, che riguarderà circa 8mila dirigenti scolastici, sarà a pioggia, dato che ad essere interessata è la retribuzione di posizione parte fissa.

Ufficialmente, si continua a parlare di un aumento medio mensile di circa 400 euro. Ma la cifra reale è molto più modesta: secondo i calcoli dell’Udir, i dirigenti scolastici, i meno pagati dell’amministrazione pubblica, andranno a percepire a regime in media appena 292 euro lordi mensili che corrispondono a 160 euro netti. Ma soprattutto, a fronte di tale aumento della retribuzione fissa, è parallelamente prevista una forte diminuzione della retribuzione variabile ed accessoria.

Questo comporterà che in alcune regioni italiane presto i dirigenti scolastici percepiranno meno di quanto prendevano all’inizio della vigenza contrattuale, quindi del 2016: in Emilia Romagna, ad esempio, a regime i dirigenti scolastici avranno circa 670 euro in più al mese di retribuzione di posizione/quota fissa, ma si ritroveranno anche da 270 a 480 euro in meno di retribuzione di posizione/quota variabile a seconda della fascia di appartenenza. Oltre all’Emilia Romagna, risultano particolarmente penalizzati i presidi di Friuli Venezia Giulia e Piemonte, per i quali la perdita supera i 10mila euro. Sono le regioni che nel 2015/2016 facevano registrare i vuoti di organico più rilevanti e che presto sconteranno l’assunzione dei futuri vincitori del prossimo concorso a preside: poiché il budget rimarrà immutato, aumentando i presidi titolari si ridurrà inevitabilmente la somma da assegnare ad ognuno.

Non è da meno la retribuzione di risultato: tale compenso, che non rientra nello stipendio mensile, viene accreditato in un’unica soluzione annuale, per cui i dirigenti scolastici rischiano di non accorgersi nemmeno dei pesanti tagli già fatti e di quelli in arrivo. Sempre in Emilia Romagna, già nel 2016/2017 il budget e la media pro capite sono diminuiti drasticamente (dai 4mila ai 7mila euro, a seconda della fascia di appartenenza) e a regime diminuirà ancora.

Secondo Marcello Pacifico, presidente Udir, si sta attuando una politica-spot che vuole far passare i dirigenti scolastici come beneficiari di aumenti adeguati: “Nulla di più falso. La verità – dichiara il sindacalista autonomo – è che i nostri capi d’istituto, portatori di responsabilità enormi, anche decuplicate rispetto ad un collega della PA che percepisce stipendi di ben altro spessore, si ritroveranno una diminuzione dello stipendio complessivo. Quella del rinnovo contrattuale è una pratica che va gestita con molta attenzione”.

“Noi, come Udir, chiediamo l’assegnazione della Ria, della perequazione dal 2016, il recupero totale dell’inflazione e lo stesso trattamento che l’Aran ha riservato ai dipendenti statali per il 2018 cioè almeno il 3,48% e non l’1,45%%. Infine, ma forse andrebbe messa al primo posto, c’è la questione sempre aperta della sicurezza: è ora di finirla – conclude Pacifico – con il carico di responsabilità sulle spalle dei dirigenti scolastici che non hanno alcuna possibilità di azione reale se non quella di fare da segnalatori e passa carte, salvo poi ritrovarsi anche in carcere per colpe di altri”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione