Contratto digitale da remoto, i supplenti non devono più recarsi a scuola: i benefici della Firma Elettronica Avanzata (FEA). NOTA

WhatsApp
Telegram

Il Piano di semplificazione per la scuola, presentato dal Ministro dell’istruzione e del merito in occasione del Consiglio dei Ministri del 20 aprile 2023, prevede, tra i diversi interventi in favore delle famiglie, degli studenti e delle istituzioni scolastiche, una specifica iniziativa funzionale ad evolvere la
soluzione di Firma Elettronica Avanzata (FEA), denominata “Sigillo”.

Con nota del 1° settembre il ministero dell’Istruzione e del Merito, Direzione generale per i sistemi informativi e la statistica, spiega il funzionamento e i vantaggi legati all’utilizzo della FEA.

Tra gli ambiti di applicazione e di utilizzo della FEA la nota evidenzia:

  • la gestione dei contratti del personale docente immesso in ruolo per l’a.s. 2023/24, in assegnazione provvisoria, come esplicitato dalla nota n.3895 del 31 agosto 2023 della Direzione Generale per il personale scolastico
  • la gestione dei contratti del personale supplente breve e a tempo determinato, docente ed ATA

Con riferimento ai contratti del personale supplente breve e a tempo determinato, docente ed ATA è già disponibile in esercizio un aggiornamento delle procedure di cooperazione applicativa. Tale aggiornamento consente al dirigente scolastico e al personale docente o ATA di firmare digitalmente il contratto di lavoro, mediante l’utilizzo del sistema ministeriale di FEA “Sigillo”.

La nuova funzionalità comporta immediati benefici, in quanto consente, in modo semplice di:

  • dematerializzare la copia originale cartacea del contratto;
  • formalizzare il rapporto di lavoro in modalità digitale ed in remoto, senza necessità che il supplente si rechi fisicamente presso l’istituzione scolastica per la firma del contratto di lavoro;
  • migliorare ed efficientare l’organizzazione delle attività del dirigente scolastico e della segreteria.

I firmatari devono essere in possesso di identità digitale SPID o CIE.
Il passaggio all’uso della firma elettronica potrà avvenire con gradualità, in modo da permettere alle scuole di familiarizzare con la nuova modalità operativa, anche in riferimento alle proprie esigenze organizzative. La possibilità di firmare i contratti digitalmente è al momento opzionale e può essere attivata selezionando uno specifico flag all’interno delle procedure, anche per singolo contratto.

Riepilogo flusso di lavoro se ci si avvale delle nuove funzionalità:

• inserimento dei dati contrattuali a sistema;
• scelta della modalità di firma con FEA;
• convalida prospetto R-1/R-2: la procedura si occupa di inviare automaticamente il contratto al sistema Sigillo per l’apposizione della firma elettronica avanzata;
• firma delle parti contraenti, opportunamente informate da specifica messaggistica inviata via mail da parte del sistema Sigillo;
• download del contratto firmato elettronicamente da Sigillo e protocollazione, utilizzando i normali applicativi in dotazione alla scuola;
• invio al sistema NoiPA per il pagamento.

NOTA

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA