Contratto. Aumento di 200 euro, Bocchino (SI): bene petizione docenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Bene hanno fatto gli insegnanti a lanciare una petizione su Change.org per chiedere un aumento di stipendio pari a 200 euro mensili, e a diffidare i sindacati confederali dal sottoscrivere un accordo che preveda un aumento di soli 85 euro”.

Per il Senatore Fabrizio Bocchino (Sinistra Italiana), “la petizione è uno strumento estremo ma utile per mostrare che la dignità di chi insegna non può essere calpestata ancora una volta”.

“Proprio ieri sono usciti i dati dell’ARAN sul potere d’acquisto dei salari del pubblico impiego. Per gli insegnanti si parla di una perdita di valore reale del 12,4 per cento dal 2010, è la categoria che è stata maggiormente penalizzata dal blocco dei contratti, fermi al 2008”, fa notare Bocchino.

“Se questo governo vuole davvero fare qualcosa di buono per la scuola, dovrebbe prendere in seria considerazione la richiesta degli insegnanti e le indicazioni dell’ultimo rapporto OCSE. Perché senza adeguamento degli stipendi, la scuola sarà sempre una scelta professionale residuale e di ripiego e a pagarne lo scotto saranno gli studenti”, conclude il Senatore.

Cristiana Scoppa
Addetta stampa del Senatore Fabrizio Bocchino (Sinistra Italiana)

Aumenti stipendio: insegnanti chiedono 200 euro netti e diffidano sindacati dal firmare contratto

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione