Contratto Ata, si va verso la creazione di 4 aree funzionali. Anief: senza altri 400 milioni di euro la discussione rimarrà sulla carta 

WhatsApp
Telegram

La scuola potrebbe presto avere al suo interno una suddivisione professionale diversa del personale Ata: si varso la creazione di quattro distinte aree professionali, quali collaboratori, collaboratori esperti, assistenti, funzionari ed elevate qualificazioni.

Nell’area dei funzionari e delle elevate qualificazioni entrerebbero gli attuali Dsga con contratto di lavoro a tempo indeterminato e i facenti funzione. L’area C, mai attivata (Coordinatori Amministrativi e Tecnici) verrebbe invece soppressa. È questo l’esito del quinto incontro all’Aran, svolto nel pomeriggio di ieri, 1° dicembre, incentrato sul rinnovo del Ccnl Scuola in merito all’ordinamento professionale del personale Ata.

LE RICHIESTE DELL’ANIEF

In rappresentanza dell’Anief erano presenti Cristina Dalpino, Carla Lettieri e Stefano Cavallini e, da remoto, Anna Maria Cianci, Giovanni D’Errico, Alberico Sorrentino, portavoce del nuovo dipartimento dell’Anief Condir/Dsga, e Martino Todaro. Secondo Anief, le proposte contenute nella bozza Aran non sono esaustive, pertanto, devono essere riviste, discusse puntualmente e condivise tra tutte le organizzazioni sindacali. In particolare, nell’intervento e con una dettagliata memoria scritta, il sindacato ha chiesto:

  • La correzione degli errori presenti nella bozza relativa ai titoli di studio necessari per l’accesso del cuoco, del guardarobiere e dei collaboratori esperti;
  • La valorizzazione del ruolo degli Assistenti Amministrativi con una adeguata formazione professionale; in assenza di una modifica contrattuale, infatti, i compiti degli assistenti amministrativi continuano a moltiplicarsi, aggiungendo attività sempre più professionali e complesse, come ad esempio l’attività che li impegna nel calcolo delle pensioni;
  • La valorizzazione del ruolo degli Assistenti Tecnici, i quali a causa dei tagli di bilancio non hanno la possibilità di portare avanti i laboratori;
  • L’attivazione delle figure di Area AS (Collaboratore scolastico addetto ai servizi alla persona) già prevista dal CCNL 2007-09, ma di fatto mai attivate. L’accesso alla figura sopra citata dovrebbe essere permesso anche al personale in possesso di licenza media che abbia maturato un servizio di almeno cinque anni nel profilo di destinazione;
  • Il ripristino della progressione verticale di carriera, di fatto mai abolita dalla normativa vigente e i passaggi del personale ATA all’area superiore, mediante procedure selettive, previa frequenza di apposito corso organizzato dall’amministrazione, le cui modalità devono essere definite con la contrattazione integrativa nazionale;
  • L’individuazione di mansionari dettagliati che vadano a sostituire quelli dei precedenti CCNL, ormai obsoleti e troppo generici;
  • La previsione di percorsi interni di formazione per gli assistenti amministrativi che abbiano svolto negli ultimi anni il ruolo di Facenti Funzione DSGA, che permettano loro di transitare nei ruoli di Coordinatore amministrativo e di DSGA;
  • L’individuazione di criteri univoci per la sostituzione del DSGA, il cui ruolo potrà essere ricoperto dal funzionario o, in forma volontaria e non obbligatoria, dal personale assistente amministrativo in possesso della seconda posizione economica, con l’attribuzione di una indennità pari al differenziale dei livelli iniziali di inquadramento, per i periodi di sostituzione superiori a quindici giorni;
  • Il ripristino dei compensi per lavoro straordinario del DSGA, precedentemente aboliti;
  • L’attribuzione del buono pasto per i dipendenti dell’Istituzione Scolastica che prestano un orario di servizio di 36 ore settimanali articolato su cinque giorni;
  • L’istituzione della Carta ATA per la formazione;
  • L’attivazione di adeguate modalità di formazione per il personale ATA;
  • La previsione di un organico mirato per la figura professionale del Collaboratore scolastico addetto ai servizi alla persona, che accederà al suo ruolo professionale con la qualifica di OSA o OSS, congiunta al titolo di accesso previsto per il collaboratore scolastico, e che si occuperà di prestare ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche, all’interno e nell’uscita da esse, nonché nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale;
  • L’introduzione del diploma di maturità corrispondente alla specifica area professionale come titolo di accesso per le figure professionali di collaboratore addetto alle aziende agrarie, guardarobiere e cuoco, alle quali ad oggi si accede invece con il solo titolo inferiore di qualifica triennale;
  • L’introduzione della figura di Assistente Tecnico, in particolare quello di area AR02 (area informatica), in tutti gli istituti scolastici con equiparazione al livello economico della figura al docente ITP;
  • L’introduzione dell’istituto della riabilitazione anche per il personale ATA incorso in sanzioni disciplinari, così come previsto per il personale docente;
  • L’introduzione dell’indennità di videoterminalista al personale Amministrativo/Tecnico che
  • L’introduzione della mobilità intercompartimentale dei dipendenti della scuola in tutti gli altri settori della pubblica amministrazione, ai sensi dell’art. 1 comma 133 della legge 107/2015, dell’art. 30 del D. Lgs 165/2001 e della legge 150/2009, in profili della stessa area di inquadramento;
  • Il riconoscimento integrale del servizio prestato nelle qualifiche inferiori del personale ATA (abolizione della c.d. temporizzazione), che ha negato il giusto inquadramento nelle corrette fasce stipendiali del personale Collaboratore Scolastico, Assistenti Amministrativi/Tecnici transitati dagli enti locali e ai DSGA;

Ad ogni modo, senza il reperimento di ulteriori 400 milioni in legge di bilancio o al decreto aiuti quater, la discussione su livelli e profili professionali rimarrà sulla carta e tradirà lo stesso ministero dell’Istruzione e del Merito. Il prossimo incontro si svolgerà prima di Natale: probabilmente il 22 dicembre

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur