Contratto, Anief: prossima settimana riprende il confronto Aran-Sindacati. Si riparte da sanzioni disciplinari e trattamento personale delle scuole italiane all’estero

WhatsApp
Telegram

La settimana prossima i sindacati della scuola torneranno all’Aran: riprenderà, infatti, il confronto sulla sequenza contrattuale del Contratto collettivo nazionale di Istruzione, Ricerca e Università 2019/21 approvato lo scorso 18 gennaio: mercoledì 5 giugno, alle ore 11.30, i sindacati rappresentativi e firmatari del Ccnl verificheranno i possibili sviluppi sulla “responsabilità disciplinare per il personale docente ed educativo secondo quanto previsto all’art. 48”; ventiquattrore dopo, giovedì 6 giugno, alle ore 15,30, le stesse organizzazioni sindacali si ritroveranno ancora all’Aran per un confronto sulla “disciplina del rapporto di lavoro del personale delle scuole italiane all’estero”.

Il giovane sindacato ricorda che sulle responsabilità disciplinare e la possibile assegnazione di nuove sanzioni al personale docente ed educativo in caso di infrazioni disciplinari, il Ccnl 2019/21 rinvia a un’apposita sessione negoziale, a livello nazionale, da concludersi entro la fine di luglio. È scritto nell’articolo 48/1 dello stesso contratto: “Le parti convengono sulla opportunità di rinviare ad una specifica sessione negoziale a livello nazionale la definizione, per il personale docente ed educativo delle istituzioni scolastiche, della tipologia delle infrazioni disciplinari e delle relative sanzioni, nonché l’individuazione di una procedura di conciliazione non obbligatoria, fermo restando che il soggetto responsabile del procedimento disciplinare deve in ogni caso assicurare che l’esercizio del potere disciplinare sia effettivamente rivolto alla repressione di condotte anti doverose dell’insegnante e non a sindacare, neppure indirettamente, la libertà di insegnamento. La sessione si conclude entro il mese di luglio 2024”.

Il confronto del 5 servirà anche a capire se attuare o meno una procedura di conciliazione non obbligatoria, fermo restando che il potere disciplinare dovrà essere esercitato soltanto ed esclusivamente al fine reprimere condotte dell’insegnante contrarie alla norma. La negoziazione si svolgerà tenendo conto di quanto disposto dal comma 2 del medesimo art. 48 del CCNL, ossia dovrà prevedere: la sanzione del licenziamento nei seguenti casi: a) atti, comportamenti o molestie a carattere sessuale, riguardanti studentesse o studenti affidati alla vigilanza del personale, anche ove non sussista la gravità o la reiterazione, dei comportamenti; b) dichiarazioni false e mendaci, che abbiano l’effetto di far conseguire un vantaggio nelle procedure di mobilità territoriale o professionale; una specifica sanzione nel caso di condotte non coerenti, anche nell’uso dei canali sociali informatici, con le finalità della comunità educante, nei rapporti con le studentesse e gli studenti.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ricorda la sua contrarietà rispetto a qualsiasi tipo di concentrazione di potere all’interno delle scuole: “secondo noi dovrà permanere la valutazione dei casi da esaminare nelle mani di un organo esterno super partes. Dare la possibilità al dirigente scolastico di conferire le sanzioni rischierebbe di creare delle valutazioni soggettive e una discrezionalità che non farebbe bene a nessuno. Come pure va sempre considerato l’elevato grado di stress e di conseguenza di potenziale burnout a cui sono sottoposti tanti docenti a fine carriera. Con l’entrata a regime della Legge Fornero, si va incontro al rischio concreto di andare a penalizzare oltre modo questi lavoratori rimasti forzatamente in servizio”.

Sulla “disciplina del rapporto di lavoro del personale delle scuole italiane all’estero”, Anief torna a ribadire l’esigenza di introdurre una garanzia dei diritti dei professionisti che operano nelle scuole oltre frontiera, attraverso la messa a punto del quadro normativo. L’organizzazione sindacale reputa importante chiarire la posizione dell’amministrazione sull’obbligo della contrattazione integrativa, non solo a livello di istituzione scolastica ma anche di uffici scolastici consolari. Inoltre, Anief ha registrato che i dirigenti scolastici in servizio presso i consolati, con il sostegno del MAECI, hanno impedito il diritto alla contrattazione integrativa, al confronto e all’informativa, anche nelle sedi dove è presente una RSU eletta. Per Anief vanno anche migliorati i criteri per i trasferimenti del personale scolastico in servizio all’estero verso altre sedi estere, disposti d’ufficio e a domanda e la tabella di valutazione dei titoli valutabili ai fini della formazione della graduatoria di coloro che perdono titolarità.

Ancora sulle norme da applicare per il personale impegnato all’estero, vanno pure migliorati i criteri generali per gli interventi rivolti alla prevenzione ed alla sicurezza nei luoghi di lavoro i criteri utilizzati per la revisione annuale del contingente del personale scolastico in servizio all’estero relativi a nuove istituzioni e alla soppressione di posti in contingente; i criteri per l’individuazione delle discipline dell’ordinamento scolastico italiano da assegnare a personale reclutato localmente; i criteri per l’assegnazione alle sedi degli insegnanti di sostegno e dei posti di potenziamento previsti dall’articolo 18 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 64; i criteri per la composizione delle cattedre e l’assegnazione dei docenti ai corsi di lingua e alle classi; i criteri per il diritto ad usufruire dei 6 giorni di ferie durante le attività didattiche previste dall’articolo 15, comma 2, del CCNL/2007; i criteri per garantire in maniera equa il diritto alla formazione; i criteri per l’assegnazione degli spezzoni di cattedra e delle ore eccedenti in sostituzione dei colleghi assenti; le modalità riguardanti la cessazione e la presa di servizio in occasione di congedo ordinario e malattia.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri