Come realizzare più assunzioni: rendere meno convenienti i contratti a tempo determinato. Il governo studia manovra

di redazione
ipsef

item-thumbnail

E’ all’ipotesi del Governo rendere i contratti a tempo determinato più costosi con l’obiettivo di incentivare le assunzioni stabili.

La misura potrebbe trovare spazio in manovra, ma viene spiegato che ancora non sono state prese decisioni.

Si tratterebbe di un rialzo dell’aliquota contributiva aggiuntiva (1,4%) prevista nei contratti a tempo determinato e oggi destinata alla Nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi).

Così il rapporto di lavoro a termine diventerebbe meno conveniente a vantaggio di quello a tempo indeterminato.

Versione stampabile
anief anief