Contratti supplenti Covid: come funzionano le ferie, vengono pagate?. Differenza tra docenti e collaboratori scolastici

Stampa

Contratti supplenti docenti e ATA Covid: molti sono in scadenza l’ultimo giorno di lezione (stabilito dal calendario regionale, altri il 30 giugno. La differenza nella fruizione delle ferie, con la possibilità di monetizzazione. Una risposta proviene dal decreto di rimodulazione delle risorse dell’USR Lazio.

Un nostro lettore chiede

Sono un collaboratore COVID con contratto dal 19/10/2020 al 08/06/2021. Al calcolo le ferie spettanti sono 22 giorni. Ho 12 giorni residui La segreteria mi ha imposto che fruirli entro fine maggio.
Nel caso io non volessi fruirli possono imporlo o possono essere monetizzate?

La risposta in merito si trova – ma la linea è generale – nel decreto di Modifica all’assegnazione di ulteriori contratti di personale docente e ATA dell’USR Lazio del 4 febbraio 2021

La rimodulazione delle risorse è stata fatta tenendo conto

“di dover, altresì, tener conto dell’esigenza di dover liquidare e pagare, in futuro, anche le ferie non fruite”

Ecco cosa dice l’USR

DATO ATTO che, in applicazione del citato articolo 1, comma 54, della legge n. 228 del 2012 «Il personale docente di tutti i gradi di istruzione fruisce delle ferie nei giorni di sospensione delle lezioni definiti dai calendari scolastici regionali, ad esclusione di quelli destinati agli scrutini, agli esami di Stato e alle attività valutative.»

DATO ATTO che, conseguentemente, il personale docente può chiedere il pagamento delle ferie maturate, nel limite di quelle eccedenti i giorni di sospensione delle attività didattiche compresi nel periodo
del proprio contratto;

DATO ATTO che i contratti sino all’8 giugno o sino al 30 giugno non consentono di fruire ferie per, rispettivamente, 10 e 11 giorni;

DATO ATTO che, viceversa, il personale collaboratore scolastico può sempre fruire le ferie, salvo il caso di interruzioni imprevedibili del contratto, e, dunque, non può chiedere di monetizzare quelle non fruite;”

Differenza tra docenti e personale ATA

Il personale docente è tenuto a chiedere il pagamento delle ferie solo per i giorni eccedenti i giorni di sospensione delle attività didattiche, di cui ha potuto usufruire all’interno del contratto.

Il collaboratore scolastico può sempre fruire delle ferie, e dunque non può chiedere eventuale monetizzazione.

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 150€! Entro il 22/04…