Contratti, aumenti stipendi di 35 euro. Sindacati: del tutto insufficienti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Rinnovo contratti: aumenti stipendi ancora bassi, circa 65 euro lordi, ovvero 35 euro in busta paga mensili. Fioramonti minaccia le dimissioni.

Per ora le risorse sono queste, sto lavorando per farle crescere“, è questa la risposta del ministro dell’istruzione a proposito degli aumenti stipendiali per docenti e Ata nell’ultimo incontro con i sindacati.

Le cifre previste, 65 euro lordi, sono infatti ritenute del tutto insufficienti dai sindacati, i quali hanno ribadito la necessità di aumenti più sostanziosi  e di trasferire i fondi del bonus merito e della carta docente direttamente in busta paga. Se non ci saranno le risorse per un aumento a tre cifre, i sindacati non apriranno nemmeno il dibattito.

Fioramonti ha confermato le sue dimissioni qualora non si riuscissero a trovare i tre miliardi per l’istruzione, mentre continua a contrattare con le Finanze e quindi con il ministro dell’economia Roberto Gualtieri.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione