Continuità didattica, 6 ottobre studenti istituto “Boselli” di Torino protesteranno presso l’ATP

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Studenti Istituto “Boselli” – Da Lunedì 9 Ottobre 2017, gli studenti dell’Istituto Boselli di Torino delle sedi di TO2 e TO3 si sono riuniti in assemblea spontanea nelle rispettive sedi, per sollecitare un confronto diretto con il dirigente scolastico sui temi che dall’inizio dell’anno scolastico hanno impedito a molte classi di avviare l’attività didattica in modo costruttivo e sereno. A riscaldare gli animi degli studenti continua ad essere innanzitutto un loro diritto: la continuità didattica, che ancora gli viene negata, nonostante le ripetute richieste.

Come in altre occasioni, il confronto con il dirigente scolastico non ha, nemmeno oggi, portato a nessun risultato. Nella sede di TO3, nonostante le sollecitazioni delle domande semplici e dirette dei ragazzi quali: “Perché ha spostato i nostri professori?”, non vi è stata nessuna risposta valida e convincente. Ciò ha ulteriormente convinto gli studenti che queste risposte valide non esistano e che tutto dipenda dal comportamento arbitrario ed autoritario del dirigente scolastico. Amaro in bocca anche per gli studenti della sede di TO2, con i quali il dirigente scolastico non si è proprio confrontato.

Gli studenti, sentendosi abbandonati proprio da chi dovrebbe garantire per loro una scuola credibile dove, con entusiasmo e serietà, iniziare a costruire un futuro, hanno continuato la loro protesta e domani gli allievi e le allieve di via Sansovino si ritroveranno sotto gli Uffici del Provveditorato di via Coazze 18 per avere risposte dal dirigente provinciale.

E’ passato quasi un mese dall’inizio delle lezioni e ancora non si conoscono i professori di molte classi: dopo la decisione del dirigente di spostare arbitrariamente alcuni insegnanti da una sede all’altra, ora sembra (ma visto quello che è successo fino ad oggi non ne siamo convinti) che abbia fatto un passo indietro e le classi “riavranno” i docenti dello scorso anno.

Ma, è evidente, che tale tardiva decisione non farà altro che procurare ulteriori disagi, ulteriore prolungamento dell’orario provvisorio e un caos anche tra i docenti.
Per non parlare delle novità organizzative originali come queste: i libretti per le giustificazioni devono essere ritirati dalle famiglie presso la sede centrale e non possono essere consegnati ai ragazzi/e maggiorenni senza la firma dei genitori, i bagni restano chiusi durante l’intervallo.

VOGLIAMO RISPOSTE CHIARE E CONVINCENTI, LA SCUOLA E’ ANCHE NOSTRA ED E’ NECESSARIO RISTABILIRE LA SERENITA’ CHE IN QUESTI ULTIMI DUE ANNI SI E’ PERSA.

DOMANI, VENERDI’ 6 OTTOBRE, GLI ALLIEVI DEL BOSELLI DI VIA SANSOVINO SI RITROVERANNO SOTTO IL PROVVEDITORATO IN VIA COAZZE 18 ALLE ORE 10,00 PER UN PRESIDIO E PER ESSERE ASCOLTATI DAL DIRIGENTE SCOLASTICO PROVINCIALE.

GLI ALLIEVI E LE ALLIEVE DEL BOSELLI DI VIA SANSOVINO

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione