Conte propone protocollo per rientro a scuola dal 7 gennaio. Province: riapertura al 50% è misura equilibrata

Stampa

Un protocollo nazionale che sia da guida per la riapertura delle scuole superiori in presenza a partire dal 7 gennaio

La proposta, a quanto apprende Ansa, è stata avanzata dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso della riunione nella quale si sta discutendo del nuovo Dpcm insieme a Regioni e Comuni.

Il protocollo prenderà le mosse da un documento proposto dalla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. Sulla base di quel documento – spiega Ansa – sarà costruito il Piano per riaprire a gennaio le scuole. Le Regioni si impegneranno a elaborare un Piano trasporti per il rientro delle superiori e ad elaborare un piano operativo sotto il profilo sanitario con corsie preferenziali per i tamponi per le scuole e l’attivazione di protocolli.

La bozza del Dpcm prevede a partire dal 7 gennaio il ritorno in classe al 50% per gli studenti delle scuole superiori.

Nuovo DPCM: le superiori rientreranno a gennaio con il 50% di DaD. Confermato stop al concorso straordinario. BOZZA [PDF]

Province: bene il protocollo del premier

“Condividiamo e apprezziamo la proposta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte di definire, Governo, Regioni, Province e Città metropolitane, un protocollo nazionale che sia da guida per la riapertura delle scuole superiori in presenza a partire dal 7 gennaio. Si tratta di un obiettivo prioritario che dobbiamo centrare tutti insieme, per restituire ai 2 milioni e mezzo di studenti la possibilità di ritornare piano piano alla normalità della didattica”.

E’ il commento del rappresentante UPI Luca Menesini in merito alla proposta avanzata dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in vista della riapertura delle scuole. “Quanto al Dpcm – ha detto Menesini intervenendo al tavolo – apprezziamo che il Governo abbia accolto la nostra proposta di riaprire in maniera graduale le scuole superiori. Il 7 gennaio le scuole saranno pronte ad accogliere i 2 milioni e mezzo di studenti medi in presenza in sicurezza”.

“Durante l’estate – ha detto Menesini al Presidente Conte – le Province hanno fatto un grande lavoro con investimenti di edilizia leggera o affittando spazi attrezzature, per rendere le scuole in sicurezza in linea con le richieste del CTS e del Governo. La riapertura in presenza dal 7 gennaio al 50% è una misura di equilibrio che ci permette di tenere insieme le esigenze di salute con le necessità di socialità e didattica che devono essere considerate una priorità. Troviamo positiva l’istituzione del tavolo di coordinamento ed è corretto che sia a livello provinciale: è la situazione ideale per le scuole superiori perché ci sono grandi differenze tra le grandi città e le piccole e a livello provinciale riusciamo a risolvere meglio le criticità. Certo, serve la massima collaborazione tra istituzioni per trovare le soluzioni più utili, per questo auspichiamo che i tavoli si aprano subito, già dai prossimi giorni, per riuscire a risolvere con anticipo i problemi che potrebbero ostacolare la ripresa a gennaio”.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese