Conte: “Le scuole non sono focolaio, la ricerca e i dati ce lo confermano” [VIDEO]

Stampa

“Se tutti i giorni molti ospiti in tv hanno diverse opinioni esce una sinfonia di opinioni. Ma oggi, venerdì, ci sarà un aggiornamento dei dati della curva, c’è una cabina di regia. Oggi indicherà quali regioni cambieranno. Speranza accoglierà queste indicazioni. Il governo ora non lo sa”.

Lo afferma il premier Giuseppe Conte nel corso di un confronto con il segretario della Cgil, Maurizio Landini.

E poi: “Le scuole non sono focolaio, cercheremo di mantenere un presidio. Dobbiamo essere molto franchi: i nostri dati ci dicono che le scuole di per sé non sono focolai di contagio. Ovviamente c’è anche il valore ideale della formazione in presenza, ecco perché cerchiamo di mantenere questo presidio. Certo quello che avviene intorno, prima e dopo le scuole può costituire un focolaio. Per questo dobbiamo tutti rispettare le regole: distanza, mascherina, igiene delle mani. Posso dire che l’esperienza ci dice che i ragazzi rispettano molto le regole”.

Covid scuola, al 7 novembre sono 102.419 i contagiati nella fascia 0-19 anni. Al 25 agosto erano 9.544

Ancora: “Io confido che oggi l’Rt nazionale, la media della velocità di contagio, possa già abbassarsi. Con questo monitoraggio abbiamo il dovere dove c’è bisogno di intervenire e di non intervenire dove i dati permettono di non farlo. Questo significa non penalizzare troppo le attività economiche”.

Infine: “Non ho la palla di vetro o le capacità da indovino. Ma se oggi si confermasse un abbassamento dell’Rt nazionale non significherebbe che saremmo fuori pericolo. Il mese di novembre è dedicato a contenere la curva di contagio”.

 

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia