Conte: entro ottobre banchi nuovi per tutti, in molte classi c’erano quelli di mio nonno

Stampa

Abbiamo “rastrellato in tutta Europa, a fine ottobre banchi nuovi in tutte le classi”.

Così il premier Giuseppe Conte, intervistato alla Festa dell’Unità. E poi ha aggiunto: “in molte classi c’erano i banchi di mio nonno“.

Domani alle 15 il Premier è atteso alla conferenza stampa a Palazzo Chigi sulla riapertura della scuola.

Rassicurazioni sulla distribuzione dei nuovi arredi sono arrivati oggi anche dalla ministra Azzolina che, durante l’informativa in Senato, ha riferito: “Gli istituti ci hanno chiesto 2,4 milioni di banchi. Oltre 750 mila sono per la scuola primaria, dunque, necessariamente, banchi di tipo tradizionale, più adatti per i piccoli. Mentre 1,7 milioni sono stati i banchi richiesti per le secondarie di cui oltre uno su quattro di tipo innovativo. La consegna è già cominciata il 28 di agosto e proseguirà nelle prossime settimane. Come comunicato dal Commissario straordinario per l’emergenza con nota del 3 settembre 2020, la distribuzione dei banchi è stata avviata partendo da alcuni luoghi particolarmente colpiti nel corso della prima fase della pandemia, come Codogno, Alzano, Nembro, le città di Bergamo, Brescia, Piacenza e Treviso, e sta continuando sull’intero territorio nazionale in 17.863 plessi scolastici, per soddisfare l’intero fabbisogno richiesto entro la fine del mese di ottobre. Ogni scuola avrà gli arredi che ha richiesto“.

Stampa

1,60 punti per il personale ATA a soli 150€, con CFI!