Dpcm Natale, impianto tre fasce ma resta nodo scuola. Conte: oggi giornata importante, molte regioni potrebbero passare arancioni o gialle

Stampa

“Domani è una giornata importante. Mi aspetto un Rt nazionale all’1, sarebbe un un segnale importante, e che molte regioni che sono rosse diventino arancioni o gialle. Questo significherebbe misure meno restrittive per i cittadini”.

A dirlo il presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Tg5 .

Conte poi avverte: “È necessario fare ancora sacrifici non possiamo abbassare la guardia. Gli italiani sono consapevoli che sarà un Natale diverso o ci esponiamo a una terza ondata a gennaio, con il rischio di un alto numero di decessi”.

Resta il nodo scuola. Il governo aveva puntato al rientro in classe per i ragazzi attualmente in Dad il 9 dicembre, ma le Regioni oggi in Conferenza hanno chiesto quasi tutte compatte di rinviare la riapertura il 7 gennaio, dopo l’Epifania. Ma di scuola non si sarebbe discusso nel vertice a Palazzo Chigi di oggi. Domani si faranno nuove valutazioni, dopo il confronto con Cts e Iss, con i dati del nuovo monitoraggio.

In zona rossa, ricordiamo, ci sono le regioni Abruzzo, Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, la Provincia Autonoma di Bolzano, Campania, Toscana.

Diversi i punti da definire ancora per il Dpcm di Natale oltre a quello sullo scuola. Uno è quello degli orari di apertura delle attività commerciali per lo shopping dei regali e di quelle di ristorazione. L’altro quello degli spostamenti tra regioni per
raggiungere i parenti: anche su questo l’orientamento prevalente del governo sarebbe rigoroso, con il divieto totale, a
prescindere dalle colorazioni, al massimo con qualche deroga.

Il nuovo Dpcm dovrebbe comunque confermare l’impianto del decreto attuale, con la divisione delle Regioni in tre fasce.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur