Contagi nelle classi in aumento, Snals: occorrono misure urgenti e investimenti

Stampa

“Il governo è in procinto di programmare una verifica della situazione epidemiologica nelle scuole dopo l’introduzione del green pass e la campagna sperimentale di screening sistematico sugli alunni”, così Elvira Serafini, segretario generale dello Snals.

“La scuola, ancora oggi – aggiunge -, si ritrova priva di una strategia di screening sistematico, con regole sul distanziamento derogabili in presenza di limiti logistici e senza interventi su aerazione e ventilazione, né sulla gestione dei trasporti. E la vaccinazione di personale e studenti, non è sufficiente per arginare la diffusione del virus e scongiurare la DAD.

Occorrevano interventi strategici sui trasporti e sugli spazi e soprattutto una decisa inversione di rotta nei criteri di determinazione degli organici, regolati ancora dal d.lgs 81/2009 – denuncia ancora Serafini -.

Sempre sperando che la stagione fredda non faccia aumentare i contagi e con essi le quarantene, non sembrando convincenti provvedimenti tesi a ridurre la portata e la durata degli isolamenti fiduciari.

La didattica in presenza deve essere sostenuta con convinzione destinando adeguate risorse a edilizia scolastica e organici.

Lo Snals-Confsal ripete da mesi che la sicurezza di alunni e personale non può essere frutto di provvedimenti normativi di emergenza, tra l’altro di dubbia legittimità e discriminatori.

È urgente – conclude -l’apertura di un confronto sugli investimenti nella scuola pubblica, unica strada per un ritorno reale alla normalità”.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata