Contagi in aumento, Anief: da domani ogni scuola comunicherà al Ministero i propri dati con cadenza settimanale

Stampa

Comunicato Anief – L’aumento progressivo del numero di contagi da Covid19 ha indotto l’amministrazione scolastica a monitorare con maggiore attenzione lo stato di salute di chi vive le nostre scuole:

tra le ultime disposizioni ministeriali che insistono sulle politiche di contenimento della diffusione del virus figura da qualche ora l’attivazione di una nuova funzione per la rilevazione settimanale dei dati relativi ad eventuali contagi ed alle conseguenti misure preventive ed organizzative adottate da ciascuna scuola. Il servizio sarà disponibile da domani sul Portale ministeriale SIDI, come indicato nella Nota n. 1583.

 

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Riteniamo positiva l’iniziativa del Ministero dell’Istruzione, dalle cui decisioni dipendono i destini organizzativi di oltre 8 milioni di alunni e un milione tra docenti, personale Ata e dirigenti scolastici. Sono diverse settimane che Anief chiede pubblicamente una check list sulle necessità di ogni scuola in merio alla gestione dell’ondata epidemiologica in atto. Personalmente, giusto un mese fa, ho chiesto pubblicamente di avviare dei periodici monitoraggi degli istituti proprio perché la riapertura delle scuole avrebbe incrementato i casi di coronavirus. Ben venga quindi conoscere la quantità dei contagi di ogni singolo istituto, anche se sarebbe stato opportuno allargare tale iniziativa alla conoscenza di più parametri, come lo stato dell’arte sulla consegna dei banchi, della nomina dei supplenti annuali e dei contratti da sottoscrivere per assicurare i docenti-Covid, oltre che della presenza accertata dai medici competenti di lavoratori ‘fragili’, anche al fine di implementare gli organici. Dal monitoraggio allargato sarebbe stato anche utile evincere eventuali attivazioni di Dad, oltre che esigenze di vario tipo, come lo svolgimento di lavoro agile, per il quale permane la necessità di approvare diversi adattamenti normativi, che come Cisal abbiamo richiesto solo pochi giorni fa alla ministra Nunzia Catalfo”.

L’amministrazione scolastica vuole tenere sotto controllo lo stato contagi nelle scuole. Con la Nota n. 1583, indirizzata ai dirigenti scolastici e ai direttori degli Usr, il Ministero dell’Istruzione ha deciso di “monitorare l’andamento della situazione e garantire la corretta erogazione del servizio di istruzione, su tutto il territorio nazionale” chiedendo ad ognuna delle 8.200 scuole autonome “una rappresentazione specifica della situazione a livello nazionale e territoriale, rendendo possibile assumere adeguate decisioni a supporto delle attività delle Istituzioni scolastiche e porre in essere, in modo tempestivo, tutte le azioni necessarie alla gestione di eventuali emergenze e criticità. Per tali motivi di rilevante interesse pubblico – scrive il Ministero -, si raccomanda l’attenta compilazione dei dati richiesti, provvedendo al loro aggiornamento settimanale anche nei casi in cui la situazione nella singola scuola dovesse risultare invariata da una settimana all’altra”.

LE SEZIONI DEL MONITORAGGIO

“La rilevazione – si legge nella Nota ministeriale – è composta da quattro Sezioni articolate in quesiti, le quali permettono di acquisire i dati numerici relativi alle questioni di più immediato e rilevante interesse per il decisore politico: A. Rinvio apertura scolastica per elezioni/referendum o per ordinanza dell’autorità pubblica; B. Personale docente, non docente e studenti per i quali è stata accertata positività al COVID-19; C. Personale docente, non docente e studenti per i quali è stata disposta la misura della quarantena; D. Sospensione dell’attività didattica in presenza quale misura adottata per affrontare accertati casi di contagio da COVID-19. Le sezioni B, C e D dovranno essere dettagliate per ogni singola sede presso la quale l’istituzione scolastica eroga il servizio, anche temporaneamente, durante questo periodo di emergenza sanitaria”.

IL SUPPORTO PER LA COMPILAZIONE

Per l’acquisizione delle informazioni necessarie alla compilazione dei campi previsti l’istituzione scolastica potrà avvalersi del supporto del “referente COVID”. Nel Portale SIDI, alla Sezione “Documenti e manuali”, è stato reso disponibile, già a partire dalla giornata di ieri, sabato 26 settembre, un apposito manuale di supporto per la compilazione del questionario.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia