Contagi a scuola, i primi casi nelle scuole pugliesi. Uil alla Regione: attivare presidi sanitari e ventilazione forzata

WhatsApp
Telegram

“Con l’anno scolastico appena iniziato, si registrano già i primi contagi negli istituti pugliesi. Ricordiamo che la giunta regionale ha emanato una delibera nel lontano 1 febbraio 2020 che prevedeva 355 presidi sanitari (cosiddetti Toss), uno ogni 1.500 alunni: non è più tempo di rinvii, a meno che non si voglia tornare ai tempi della didattica a distanza e dei conseguenti disagi”.

Gianni Verga, segretario generale della UIL Scuola Puglia, è preoccupato dei segnali che pervengono dalle istituzioni scolastiche, peraltro senza organico aggiuntivo ATA, e ricorda alla regione che “si potrebbero utilizzare i fondi del PNRR relativi alla misura 6, messi a disposizione dal Ministero della Salute. Con deliberazione di giunta regionale, infatti, sono stati resi disponibili oltre 650 milioni di euro per un programma di investimento i cui soggetti attuatori sono le ASL, la cui finalità è quella di potenziare il servizio sanitario per migliorarne l’efficacia nel rispondere ai bisogni di cura delle persone, anche alla luce delle criticità emerse nel corso dell’emergenza pandemica”.

“La pandemia è soltanto formalmente alle spalle – ammonisce Verga – abbassare la guardia sarebbe un errore, per senso di responsabilità nei confronti della comunità scolastica, considerato da sempre luogo ad alto rischio di contagiosità. Si rende necessaria – conclude Verga – una concreta azione di prevenzione per non farsi trovare impreparati, alla eventuale gestione dell’emergenza. Se non si vogliono attuare i presidi sanitari, si ritorni alla figura del medico scolastico approfittando delle risorse del PNRR e dell’esperienza che il Covid ci ha insegnato e si installi la ventilazione meccanica forzata senza aprire le finestre e disperdere il calore”.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Hai ottenuto il ruolo? Il 28 settembre segui il webinar gratuito: “Neo immessi in ruolo: cosa c’è da sapere per superare l’anno di prova”