Visita fiscale, esonero senza invalidità, solo con patologia?

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

L’esonero della visita fiscale e delle fasce di reperibilità, è possibile ottenerlo solo con la patologia, senza nessuna invalidità?

Gentilissimi, necessito di un chiarimento. Sono affetta da due gravi patologie 045.696.0 e 0A31e per entrambe, sottoposta ad importante terapia farmacologica di cui, rispetto alla prima, terapia biologica in associazione a chemioterapico, cortisonico (a cicli) e antidolorifici. Mai ho fatto domanda di invalidità. Raramente mi assento dal lavoro (pubblico impiego) se non x controlli relativi alla patologia. La domanda è: con la nuova normativa,  i farmaci assunti, che fino allo scorso anno erano considerati salvavita, sono ancora considerati tali? Grazie

 

L’esonero della visita fiscale è possibile solo in tre casistiche:

  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • causa di servizio riconosciuta che abbia dato luogo all’ascrivibilità della menomazione unica o plurima alle prime tre categorie della Tabella A allegata al decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1981, n. 834, ovvero a patologie rientranti nella Tabella E del medesimo decreto;
  • stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%.

L’esonero della visita fiscale è riconosciuto in base ad una serie di fattori e soprattutto dalla gravità della patologia.

Nel caso di patologie gravi che richiedono terapie salvavita, bisogna correttamente documentare la patologia, occorre valutare la sua gravità con terapia salvavita e disporre di una documentazione medica appropriata e inattaccabile.

Il lavoratore deve produrre una adeguata e chiara certificazione medica, da cui si evince non solo la patologia, ma che si configura in una patologia grave che richiede di effettuare terapie salvavita. La documentazione deve essere rilasciata da aziende sanitarie locali o struttura convenzionata.

Le consiglio, di rivolgersi al suo medico di famiglia e valutare con lui la gravità delle patologie di cui è affetto. Inoltre, le consiglio anche di inoltrare una domanda di invalidità civile, tale da identificare la gravità della patologia.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile