Visita fiscale e fasce di reperibilità, come sapere se la patologia rientra nell’esonero?

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Visita fiscale e obbligo delle fasce di reperibilità, come sapere se la patologia invalidante rientra in quelle esonerate? Tutte le informazioni.

Sono esclusi dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità i dipendenti per i quali l’assenza è riconducibile ad una delle seguenti cause di esclusione:

Le nuove misure escludono l’esenzioni per una serie di infermità ricorrenti di minore gravità, ritenute dipendenti da causa di servizio, quali sindrome ansiosa, bronchite, gastrite, otite, cistite e tante altre.

Ci sono arrivati molti quesiti che ci chiedono se la loro patologia rientra nell’esonero della visita fiscale. Cercheremo di rispondere ad ogni lettore, la nostra è solo un’interpretazione della norma, il medico di famiglia, dovrà stabilire se la patologia invalidante, rientra nell’esonero della visita fiscale.

Leggi anche: Invalidità: guida ai diritti, benefici, agevolazioni e come ottenerli

Visita fiscale: FAQ aggiornate

1) Buonasera sono affetta da sindrome di Behçet; secondo voi la mia patologia, essendo una vasculite, rientra nella fascia della NON reperibilità?
Ringrazio. Distinti saluti

Dal 13 gennaio 2018, per effetto del decreto Madia, sono state riformate le percentuali di invalidità, la percentuale che ne dà diritto è pari o superiore al 67% sia per i dipendenti pubblici che privati.

L’elenco stati patologici invalidità INPS senza obbligo visite fiscali e dal rispettare le fasce per la visita medica di controllo da parte del datore di lavoro o INPS, riporta anche la patologia

  • Sindromi vascolari acute con interessamento sistemico.

La sindrome di Behçet è una patologia rara di origine autoimmune, multifattoriale, che può portare gravi conseguenze a livello di ogni organo ed apparato ma principalmente cecità, sindromi neurologiche, gravi quadri di dolore cronico per interessamento muscolo-scheletrico.

Solo il medico di famiglia in base alla percentuale d’invalidità che dev’essere uguale o superiore al 67%, potrà stabilire, l’esonero della visita fiscale e delle fasce di reperibilità.

Patologie varie, come riconoscerle?

2) Gentilissimi, sono docente.  Soffro di diverse patologie che qui elenco.
1. Displasie al colon.
2. Ernia iatale con elico batteri pilori.
3. Gastrite.
4. Ansia addominale.
5. Protusioni cervicali e lombari (dolori e mal di testa).
6. lussazione all’articolazione mandibola dx. rientrata (mal di testa).
Premetto che questi stati di malessere li ho acquisiti, secondo me, alcuni, per causa di sevizio. CHIEDO: secondo voi posso chiedere l’ esonero dalla visita fiscale?

3) Visita fiscale con patologia riconosciuta ernia lombare e cervicale

4) La retto colite ulcerosa con 67 %di invalidità da diritto all’esenzione della visita medico legale?

 

Come sopra specificato solo il medico di famiglia, potrà stabilire se la patologia rientra nell’elenco delle patologie che danno diritto all’esonero.

Elenchiamo tutte gli stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%

  • Sindromi vascolari acute con interessamento sistemico;
  • emorragie severe /infarti d’organo;
  • coagulazione intravascolare disseminata e condizioni di shock – stati vegetativi di qualsiasi etiologia;
  •  insufficienza renale acuta;
  • insufficienza respiratoria acuta anche su base infettiva (polmoniti e broncopolmoniti severe, ascesso polmonare, sovrainfezioni di bronchiectasie congenite, fibrosi cistica);
  • insufficienza miocardica acuta su base elettrica (gravi aritmie acute);
  • ischemica (infarto acuto), meccanica (defaillance acuta di pompa) e versamenti pericardici;
  • cirrosi epatica nelle fasi di scompenso acuto;
  • gravi infezioni sistemiche fra cui aids conclamato;
  • intossicazioni acute ad interessamento sistemico anche di natura;
  • professionale o infortunistica non Inail (arsenico, cianuro, acquaragia, ammoniaca, insetticidi, farmaci, monossido di carbonio, etc.);
  • ipertensione Liquorale Endocranica Acuta;
  • malattie dismetaboliche in fase di scompenso acuto;
  • malattie psichiatriche in fase di scompenso acuto e/o in tso;
  • neoplasie maligne, in trattamento chirurgico e neoadiuvante chemioterapico antiblastico e/o sue complicanze;
  • trattamento radioterapico;
  • sindrome maligna da neurolettici;
  • trapianti di organi vitali;
  • altre malattie acute con compromissione sistemica (a tipo pancreatite, mediastinite, encefalite, meningite, ect…) per il solo periodo convalescenziale;
  •  quadri sindromici a compromissione severa sistemica secondari a terapie o trattamenti diversi (a tipo trattamento interferonico, trasfusionale).
Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile