Riscatto laurea: quanto influisce ai fini della pensione?

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Il riscatto della Laurea influisce sull’assegno pensionistico e quanto costa riscattare il periodo di studi? Vediamo insieme di chiarire i dubbi.

Buongiorno,
io non ho richiesto il riscatto della laurea, ma sarei interessata a richiederlo. Il mio corso universitario e’ durato 6 anni, dal 1982 al 1988. Dato che ho lavorato presso enti pubblici e privati dal 1988 al 1997, con differenti tipologie contrattuali, vorrei sapere se:
1) mi servirebbe ai fini pensionistici, per incrementare il numero di anni contributivi;
2) la somma da versare sarebbe molto elevata e se, eventualmente, potrebbe essere rateizzata.
Cordialmente
Il riscatto del corso di laurea è un istituto che permette di valorizzare ai fini pensionistici il periodo del proprio corso di studi.
Con il riscatti della Laurea si può far conteggiare gli anni di studio come contributi ai fini pensionistici.
Il riscatto contributivo della laurea riguarda gli anni in corso dell’università che anno permesso di conseguire la laurea o il diploma di specializzazione (e altri titoli di studio che possono essere consultati nel seguente articolo: Riscatto Laurea guida completa
Per quel che riguarda il costo del riscatto può essere pagato in un’unica soluzione o in un massimo di 120 rate mensili senza interessi sulla rateizzazione.
L’onere del riscatto deve essere calcolato dall’Inps (ma esistono anche dei calcolatori online) poichè il prezzo del riscatto varia in base al sesso del richiedente, all’età, alla collocazione temporale della domanda e alla retribuzione.
Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile