Riforma pensioni: pensione di vecchiaia, anticipata o quota 100?

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Quale forma di pensionamento è più giusta per ognuno dei nostri lettori? Vediamo caso per caso pensione di vecchiaia, pensione anticipata o quota 100.

  1. Buonasera, sono nata nel 1953 assunta al comune nel 1992,Fra poco compirò 66 anni quando potrò andare in pensione?
  2. Sono un impiegata del settore privato del commercio. Nel prossimo giugno 2019 raggiungo quota 100 con 60 anni di età  e 40 di contributi. Sono nata nel 1959 , in questo caso cosa succede, devo arrivare a 41 anni di contribuzione o 42 con 62 anni di età? In questo ultimo caso è  palese una disparità sociale con chi andrebbe in pensione con 62 anni e 38 di contributi. 
  3. Ho 63 anni e 40 anni di contributi a fine anno 2018 quando posso andare in pensione. Grazie della cortesia
  4. Ho maturato 40 anni di contributi il 1 luglio 2018 ed ho compiuto 60 anni a marzo. Con la legge Fornero andrei nel 2020. 

Rispondiamo ai quesiti dei nostri lettori

  1. Con 66 anni di età e 26 anni di contributi l’unica alternativa di pensionamento che ha è con la pensione di vecchiaia al raggiungimento dei 67 anni di età.
  2. Sicuramente dovrà attendere più anni per accedere alla pensione ma la quota 100 prevede dei paletti sia anagrafici che contributivi. Sicuramente accedendo alla pensione con 62 anni di età e 42 anni di contributi (o con una ipotetica pensione con 41 anni di contributi per tutti indipendentemente dall’età) avrà un assegno pensionistico più alto rispetto a chi accede con 38 anni di contributi, anche se questa può sembrare soltanto una magra consolazione.
  3. Sicuramente potrà accedere alla pensione non appena sarà pubblicato il decreto attuativo della quota 100 essendo in possesso sia del requisito anagrafico che di quello contributivo (ipoteticamente dopo aprile 2019).
  4. Potrebbe accedere alla quota 100 al compimento dei 62 anni di età, ovvero a marzo 2020, o alla pensione anticipata alla maturazione dei 42 anni e 3 mesi di contributi, ovvero a ottobre 2020.

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile