Pensione Quota 100 e liquidazione TFR, quali sono i tempi?

di Consulente Fiscale
ipsef

item-thumbnail

Se si aderisce alla pensione anticipata Quota 100, quali sono i tempi di liquidazione del TFR (trattamento fine rapporto)?

Gentilmente, vorrei sapere il trattamento di fine rapporto con il sistema quota 100, in quanto tempo si avrà, grazie.

Prima di addentrarci sull’argomento della liquidazione del TFR, analizziamo le ultime novità sulla riforma pensione Quota 100.

Pensione Quota 100

Le ultime notizie sulla Quota 100, riconfermano la misura dai 64 anni con 36 anni di contributi versati. Il consulente del vicepremier Salvini, lancia una breve guida sulla pensione anticipata.

Queste ultime novità, delineano il malcontento nei lavoratori, in quando pochi giorni fa, il premier Salvini, aveva pubblicamente proclamato la Quota senza paletti e vincoli, una semplice somma algebrica ricavata dall’età + contributi.

Per maggiori informazioni, sulla guida pensione anticipata, consigliamo di leggere: Pensione anticipata Quota 100, Opzione donna, precoci ed esodati, le novità dal 2019

Pagamento Tfr dipendenti pubblici

Per i dipendenti pubblici i nuovi termini di pagamento e liquidazione TFR (trattamento fine rapporto), variano in base alle cause di cessazione del rapporto di lavoro.

Dal 1° gennaio 2014, infatti, sono entrate in vigore le nuove regole per l’erogazione del TFR che portano la prima rata da 6 mesi a 2 anni dalla cessazione del servizio. Inoltre, il TFR sarà pagato a rate:

  • la prima rata del TFR per importi fino a 50mila euro;
  • la seconda rata per importi eccedenti i 50 mila euro e fino a 100mila euro;
  • la terza rata per gli importi eccedenti i 100 mila euro.

In base alle ultime disposizioni normative, l’erogazione avviene con le seguenti tempistiche:

  • entro 105 giorni in caso di cessazione dal servizio per inabilità o per decesso;
  • non prima di un anno, se la cessazione del contratto a tempo indeterminato avviene per pensionamento e raggiungimento dei requisiti di servizio o per età;
  • non prima di 24 mesi, se la cessazione avviene per dimissioni volontarie con o senza diritto a pensione, licenziamento o destituzione dall’impiego.

Per i dipendenti pubblici il pagamento del TFR, può slittare anche dopo i due anni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

In riferimento alla pensione Quota 100 e la liquidazione del TFR, per sapere qualcosa di definitivo, bisogna attendere che la misura diventi esecutiva. Al momento sono solo ipotesi.

Ti potrebbe interessare: Anticipo TFR, l’insegnante di ruolo, può chiederlo?

Versione stampabile
anief
soloformazione