Pensione Quota 100 con 62 +38 di cui 2 anni di Naspi, si perdono?

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Pensione Quota 100 con 62 anni di età e 38 anni di contributi, i due anni di Naspi, saranno considerati nel calcolo del requisito contributivo?

Buongiorno, sono un lavoratore metalmeccanico con 40 anni di lavoro e 2 di naspi, con 62 anni di età, come mi dovrò comportare?  Grazie per l’aiuto 

 

Al momento la misura pensionistica Quota 100, non è definita, bisogna attendere che sia pubblicata in G.U.

I requisiti previsti per la Quota 100 sono 62 anni di età e 38 anni di contributi, saranno ammessi un massimo di 2/3 anni di contributi figurativi.

Quindi, chi avrà più anni di contributi figurativi, dati da Naspi, malattia, mobilità, ecc., potrà considerare solo due o tre anni, su questo punto, la misura non è ancora chiara.

Nel caso specifico, lei rientra con i requisiti, e appena la misura sarà ben definita e l’INPS pubblicherà le specifiche tecniche con le modalità di accesso, lei potrà fare domanda.

Ricordiamo che, nelle ultime formulazione del testo Quota 100, approvato dal Consiglio nei giorni scorsi, sembra sparito il limite dei 2/3 anni di contributi figurativi. Allo stato dei fatti dunque è lecito pensare che sarà possibile sommare ai contributi effettivi quelli figurativi, ivi inclusi leva militare, lavoro all’estero nei Paesi dell’Unione Europea e università.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile