Lavoro gravoso: previsto blocco aumento età pensionabile?

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Quali sono le mansioni gravose per le quali è previsto il blocco dell’aumento dell’età pensionabile per adeguamento aspettativa di vita Istat?

Sono un’insegnante della scuola infanzia vorrei sapere se è ritenuto per legge il mio lavoro gravoso e se questo contempla il blocco dell’età pensionabile grazie

 

Le mansioni che rientrano nel lavoro gravoso sono 15 e nello specifico:

  • operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici;
  • conduttori di gru, di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
  • conciatori di pelli e di pellicce;
  • conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante;
  • conduttori di mezzi pesanti e camion;
  • professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
  • addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza;
  • insegnanti di scuola pre-primaria (infanzia e nido);
  • facchini, addetti allo spostamento merci ed assimilati;
  • personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
  • operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti
  • operai siderurgici di prima e seconda fusione;
  • lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature fuori dal perimetro dei lavori usuranti;
  • operai dell’agricoltura, della zootecnia e pesca;
  • marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini ed acque interne;
  • pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare dipendenti o soci di cooperative.

Per queste categorie è previsto il blocco dell’aumento dell’età pensionabile legato all’adeguamento della speranza di vita Istat che nel 2019 avrebbe portato ad un aumento di 5 mesi sui requisiti di pensionamento.

Per rispondere alla sua domanda, quindi, sì l’insegnante della scuola dell’infanzia rientra nelle mansioni gravose e come categoria non sarà soggetta all’aumento dell’età pensionabile.

 

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile