Esonero visita fiscale e fasce di reperibilità, per patologie Tabella “A”

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Quali sono le patologie inserite nella tabella “A” che danno diritto all’esonero della visita fiscale e delle fasce di reperibilità? Tutte le informazioni.

Salve, sono un dipendente statale mi è stata riconosciuta una causa di di sevizio nel 2004 con tabella A ottava categoria volevo sapere xche non rientriamo nelle esonero della visita fiscale avendo una tabella A essendo una delle più alte come invalidità penso. Attendo notizie graditi saluti.

Per i soli lavoratori del comparto pubblico Il DPCM n. 206 del 18.12.2009 stabilisce che sono esclusi dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità i dipendenti nei confronti dei quali è stata già effettuata la visita fiscale per il periodo di prognosi indicato nel certificato oltre che quelli in cui l’assenza è etiologicamente riconducibile ad una delle seguenti circostanze:

Analizziamo le patologie”Tabella A” le prime tre categorie e tabella “E”

Le patologie inserite nelle prime tre categorie della Tabella “A”  e  quelle della tabella “E”, sono esonerate dall’obbligo della visita fiscale e delle fasce di reperibilità.  Ecco l’elenco completo delle patologie che danno diritto all’esonero.

Prima categoria

  • Perdita dei quattro arti fino al limite della perdita totale delle due mani e dei due piedi insieme;
  • perdita di tre arti fino al limite della perdita delle due mani e di un piede insieme;
  • perdita di ambo gli arti superiori fino al limite della perdita totale delle due mani;
  • perdita di due arti, superiore ed inferiore (disarticolazione o amputazione del braccio e della coscia);
  • perdita totale di una mano e dei due piedi;
  • perdita totale di una mano e di un piede;
  • disarticolazione di un’anca;
  • l’anchilosi completa della stessa, se unita a grave alterazione funzionale del ginocchio corrispondente
  • disarticolazione di un braccio o l’amputazione di esso all’altezza del collo chirurgico dell’omero;
  • amputazione di coscia o gamba a qualunque altezza, con moncone residuo improtesizzabile in modo assoluto e permanente;
  • perdita di una coscia a qualunque altezza con moncone protesizzabile, ma con grave artrosi dell’anca, del ginocchio dell’arto superstite;
  • perdita di ambo gli arti inferiori sino al limite della perdita totale dei piedi;
  • perdita totale di tutte le dita delle mani ovvero la perdita totale dei due pollici e di altre sette o sei dita;
  • perdita totale di un pollice e di altre otto dita delle mani, ovvero la perdita totale delle cinque dita di una mano e delle prime due dell’altra;
  • perdita totale di sei dita delle mani compresi i pollici e gli indici o la perdita totale di otto dita delle mani compreso o non uno dei pollici;
  • distruzioni di ossa della faccia, specie dei mascellari e tutti gli altri esiti di lesioni grave della faccia e della bocca tali da determinare grave ostacolo alla masticazione e alla deglutizione sì da costringere a speciale alimentazione;
  • anchilosi temporo-mandibolare completa e permanente;
  • immobilità completa permanente del capo in flessione o in estensione, oppure la rigidita totale e permanente del rachide con notevole incurvamento;
  • alterazioni polmonari ed extra polmonari di natura tubercolare e tutte le altre infermità organiche e funzionali permanenti e gravi al punto da determinare una assoluta incapacità al lavoro proficuo;
  • fibrosi polmonare diffusa con enfisema bolloso o stato bronchiectasico e cuore polmonare grave;
  • cardiopatie organiche in stato di permanente scompenso o con grave e permanente insufficienza coronarica ecg. accertata;
  • aneurismi dei grossi vasi arteriosi del collo e del tronco, quando, per sede, volume o grado di evoluzione determinano assoluta incapacità lavorativa;
  • tumori maligni a rapida evoluzione;
  • fistola gastrica, intestinale, epatica, pancreatica, splenica, rettovescica ribelle ad ogni cura e l’ano preternaturale;
  • incontinenza delle feci grave e permanente da lesione organica.
  • diabete mellito ed il diabete insipido entrambi di notevole gravità;
  • esiti di nefrectomia con grave compromissione permanente del rene superstite (iperazotemia, ipertensione e complicazioni cardiache) o tali da necessitare trattamento emodialitico protratto nel tempo;
  • castrazione e perdita pressoché totale del pene;
  • tutte le alterazioni delle facoltà mentali (sindrome schizofrenica, demenza paralitica, demenze traumatiche, demenza epilettica, distimie gravi, ecc.) che rendano l’individuo incapace a qualsiasi attività;
  • lesioni del sistema nervoso centrale; (encefalo e midollo spinale) con conseguenze gravi e permanenti di grado tale da apportare profondi e irreparabili perturbamenti alle funzioni più necessarie alla vita organica e sociale o da determinare incapacità a lavoro proficuo;
  • sordità bilaterale organica assoluta e permanente accertata con esame audiometrico;
  • sordità bilaterale organica assoluta e permanente quando si accompagni alla perdita o a disturbi gravi e permanenti della favella o a disturbi della sfera psichica e dell’equilibrio statico-dinamico;
  • esiti di laringectomia totale;
  • alterazioni organiche ed irreparabili di ambo gli occhi che abbiano prodotto cecità bilaterale assoluta e permanente;
  • alterazioni organiche ed irreparabili di ambo gli occhi tali da ridurre l’acutezza visiva binoculare da 1/100 a meno di 150;
  • alterazioni organiche ed irreparabili di un occhio, che ne abbiano prodotto cecità assoluta e permanente con l’acutezza visiva dell’altro ridotta tra 1/50 e 3/50 della normale.

Seconda categoria

  • Distruzioni di ossa della faccia, specie dei mascellari e tutti gli altri esiti di lesione grave della faccia stessa e della bocca tali da menomare notevolmente la masticazione, la deglutizione o la favella oppure da apportare evidenti deformità, nonostante la protesi;
  • anchilosi temporo-mandibolare incompleta, ma grave e permanente con notevole riduzione della funzione masticatoria;
  • artrite cronica che, per la molteplicità e l’importanza delle articolazioni colpite, abbia menomato gravemente la funzione di due o più arti;
  • perdita di un braccio o avambraccio sopra il terzo inferiore;
  • perdita totale delle cinque dita di una mano e di due delle ultime quattro dita dell’altra;
  • perdita di una coscia a qualunque altezza;
  • amputazione medio tarsica o la sotto astragalica dei due piedi;
  • anchilosi completa dell’anca o quella in flessione del ginocchio;
  • affezioni polmonari ed extra polmonari di natura tubercolare che per la loro gravità non siano tali da ascrivere alla prima categoria;
  • lesioni gravi e permanenti dell’apparato respiratorio o di altri apparati organici determinate dall’azione di gas nocivi;
  • bronchite cronica diffusa con bronchiestasie ed enfisema di notevole grado;
  • tutte le altre lesioni od affezioni organiche della laringe, della trachea che arrechino grave e permanente dissesto alla funzione respiratoria;
  • cardiopatie con sintomi di scompenso di entità tali da non essere ascrivibili alla prima categoria;
  • aneurismi dei grossi vasi arteriosi del tronco e del collo, quando per la loro gravità non debbano ascriversi alla prima categoria;
  • affezioni gastro-enteriche e delle ghiandole annesse con grave e permanente deperimento organico;
  • stenosi esofagee di alto grado, con deperimento organico;
  • perdita della lingua;
  • lesioni o affezioni gravi e permanenti dell’apparato urinario salvo, che per la loro entità, non siano ascrivibili alla categoria superiore;
  • affezioni gravi e permanenti degli organi emopoietici;
  • ipoacusia bilaterale superiore al 90% con voce di conversazione gridata ad concham senza affezioni purulente dell’orecchio medio;
  • alterazioni organiche ed irreparabili di ambo gli occhi tali da ridurre l’acutezza visiva binoculare tra i 1/50 e 3/50 della normale;
  • castrazione o perdita pressoché totale del pene;
  • paralisi permanenti sia di origine centrale che periferica interessanti i muscoli o gruppi muscolari che presiedono a funzioni essenziali della vita e che, per i caratteri e la durata, si giudichino inguaribili.

Terza categoria

  • Perdita totale di una mano o delle sue cinque dita, ovvero la perdita totale di cinque dita tra le mani compresi i due pollici;
  • perdita totale del pollice e dell’indice delle due mani;
  • perdita totale di ambo gli indici e di altre cinque dita fra le mani che non siano i pollici;
  • perdita totale di un pollice insieme con quella di un indice e di altre quattro dita fra le mani con integrità dell’altro pollice;
  • perdita di una gamba sopra il terzo inferiore;
  • amputazione tarso-metatarsica dei due piedi;
  • anchilosi totale di una spalla in posizione viziata e non parallela all’asse del corpo;
  • labirintiti e labirintosi con stato vertiginoso grave e permanente;
  • perdita o i disturbi gravi della favella;
  • epilessia con manifestazioni frequenti;
  • alterazioni organiche e irreparabili di un occhio, che abbiano prodotto cecità assoluta e permanente, con l’acutezza visiva dell’altro ridotta tra 4/50 e 1/10 della normale.

Tabella E

A)

  • Alterazioni organiche e irreparabili di ambo gli occhi che abbiano prodotto cecità bilaterale assoluta e permanente;
  • Perdita anatomica o funzionale di quattro arti fino al limite della perdita totale delle due mani e dei piedi insieme;
  • Lesioni del sistema nervoso centrale (encefalo e midollo spinale) che abbiano prodotto paralisi totale dei due arti inferiori e paralisi della vescica e del retto (paraplegici rettovescicali);
  • Alterazioni delle facoltà mentali tali da richiedere trattamenti sanitari obbligatori in condizioni di degenza nelle strutture ospedaliere pubbliche o convenzionate.

A-bis)

  • Perdita di ambo gli arti superiori fino al limite della perdita delle due mani;
  • disarticolazione di ambo le cosce o l’amputazione di esse con la impossibilità assoluta e permanente dell’applicazione di apparecchio di protesi;
  • lesioni del sistema nervoso centrale (encefalo e midollo spinale), con conseguenze gravi e permanenti di grado tale da apportare, isolatamente o nel loro complesso, profondi ed irreparabili perturbamenti alla vita organica e sociale;
  • tubercolosi o altre infermità gravi al punto da determinare una assoluta e permanente incapacità a qualsiasi attività fisica e da rendere necessaria la continua o quasi continua degenza a letto.

C)

  • Perdita di un arto superiore e di un arto inferiore dello stesso lato sopra il terzo inferiore rispettivamente del braccio e della coscia con impossibilità dell’applicazione dell’apparecchio di protesi.

D)

  • Amputazione di ambo le cosce a qualsiasi altezza.

E)

  • Alterazioni organiche ed irreparabili di ambo gli occhi tali da ridurre l’acutezza visiva binoculare da 1/100 a meno di 1/50 della normale;
  • perdita di un arto super. e di uno infer. sopra il terzo infer. rispettivamente del braccio e della coscia;
  • perdita di dieci oppure di nove dita delle mani compresi i pollici;
  • perdita di ambo gli arti inferiori di cui uno sopra il terzo inferiore della coscia e l’altro sopra il terzo inferiore della gamba;
  • alterazioni delle facoltà mentali che richiedono trattamenti sanitari obbligatori non in condizioni di degenza nelle strutture ospedaliere pubbliche o convenzionate o che abbiano richiesto trattamenti sanitari obbligatori in condizioni di degenza ospedaliera, cessati ai sensi della legge n. 180 del 13 maggio 1978, sempreché tali alterazioni apportino profondi perturbamenti alla vita organica e sociale.

F)

  • Perdita totale di una mano e dei due piedi insieme;
  • perdita di due arti, uno superiore e l’altro inferiore, amputati rispettivamente al terzo inferiore del braccio e al terzo inferiore della gamba;
  • perdita di due arti, uno superiore e l’altro inferiore, amputati rispettivamente al terzo inferiore dell’avambraccio e al terzo inferiore della coscia;
  • perdita di ambo gli arti inferiori di cui uno sopra al terzo inferiore della coscia e l’altro al terzo inferiore della gamba;
  • perdita di ambo gli arti inferiori di cui uno al terzo inferiore della coscia e l’altro fino al terzo inferiore della gamba;
  • perdita delle due gambe a qualsiasi altezza;
  • alterazioni delle facoltà mentali che apportino profondi perturbamenti alla vita organica e sociale;
  • tubercolosi o altre infermità gravi al punto da determinare una assoluta e permanente incapacità a qualsiasi attività fisica, ma non tale da richiedere la continua o quasi continua degenza a letto;

G)

  • Perdita dei due piedi o di un piede e di una mano insieme;
  • disarticolazione di un’anca;
  • tutte le alterazioni delle facoltà mentali (schizofrenia e sindromi schizofreniche, demenza paralitica, demenze traumatiche, demenza epilettica, distimie gravi, ecc.) che rendano l’individuo incapace a qualsiasi attività;
  • tubercolosi grave al punto da determinare una assoluta incapacità a proficuo lavoro.

H)

  • Castrazione e perdita pressoché totale del pene;
  • fistola gastrica, intestinale, epatica, pancreatica, splenica, retto vescicale ribelle ad ogni cura e l’ano preternaturale;
  • sordità bilaterale organica assoluta e permanente quando si accompagni alla perdita o a disturbi gravi e permanenti della favella o a disturbi della sfera psichica e dell’equilibrio statico-dinamico;
  • cardiopatie organiche in stato di permanente scompenso con grave e permanente insufficienza coronarica ecg accertata o gravi al punto da richiedere l’applicazione di pace-maker o il trattamento con by-pass o la sostituzione valvolare;
  • anchilosi completa di un’anca se unita a grave alterazione funzionale del ginocchio corrispondente

Conclusione

Chi si trova in queste patologie, può chiedere l’esonero della visita fiscale, il medico dovrà apporre sul certificato il codice di esonero e specificare la patologia invalidante.

Il nostro lettore ci chiede, perchè la sua patologia che rientra nella tabella “A” nell’ottava categoria, non si trova tra le patologie di esonero?

Sono incluse nella Tabella “A” le patologie gravi, divise per categoria. Il DPR 834/81 ha incluso nell’esonero della visita fiscale, solo le prime tre categorie. La scelta è stata operata secondo studi clinici ed informazioni sulla gravità delle varie patologie, stabilendo un grado di priorità.

Elenchiamo le patologie inserite nella ottava categoria, che non danno diritto all’esonero della visita fiscale.

Ottava categoria di riferimento

Sono compresi in questa categoria, le seguenti patologie:

1) Gli esiti delle lesioni boccali che producano disturbi della masticazione, della deglutizione o della parola, congiuntamente o separatamente che per la loro entità non siano da ascrivere a categorie superiori.

2) La perdita della maggior parte dei denti oppure la perdita di tutti i denti della arcata inferiore. La paradentosi diffusa, ribelle alle cure associata a parziale perdita dentaria.

3) La perdita della falange ungueale dei due pollici.

4) La perdita totale di tre dita fra le mani che non siano i pollici né gli indici.

5) La perdita totale di uno degli indici e di un dito della stessa mano escluso il pollice.

6) La perdita di due falangi dell’indice insieme a quella delle ultime falangi di altre due dita della stessa mano escluso il pollice.

7) La perdita della falange ungueale delle prime tre dita di una mano.

8) La perdita totale di cinque o quattro dita fra i piedi compreso un alluce o delle ultime quattro dita di un solo piede.

9) La perdita totale di sei o cinque dita fra i piedi che non siano gli alluci.
10) La perdita di un alluce o della falange ungueale di esso, insieme con la perdita della falange di altre dita dei piedi comprese fra otto o sei.

11) La perdita di un alluce e del corrispondente metatarso.

12) L’anchilosi tibio-tarsica di un solo piede senza deviazione di esso e senza notevole disturbo della deambulazione.

13) L’accorciamento non minore di tre centimetri di un arto inferiore, a meno che non apporti disturbi tali nella statica o nella deambulazione da essere compreso nelle categorie precedenti.

14) Bronchite cronica.

15) Gli esiti di pleurite basale o apicale monolaterali di sospetta natura tubercolare.

16) Gli esiti di empiema non tubercolare.

17) Disturbi funzionali cardiaci persistenti (nevrosi, tachicardia, extra sistolia).

18) Gastrite cronica.

19) Colite catarrale cronica o colite spastica postamebica.

20) Varici degli arti inferiori nodose e diffuse.

21) Emorroidi voluminose procidenti.

22) Colecistite cronica o esiti di colecistectomia con persistente disepatismo

23) Cistite cronica.

24) Sindromi nevrosiche lievi, ma persistenti.

25) Ritenzione parenchimale o endocavitaria di proiettile o di schegge senza fatti reattivi apprezzabili.

26) Ernie viscerali non contenibili.

27) Emicastrazione.

28) Perdita totale di un padiglione auricolare.

29) Sordità unilaterale assoluta e permanente o ipoacusia unilaterale con perdita uditiva superiore al 90% (voce gridata ad concham) accertata con esame audiometrico.

30) La diminuzione bilaterale permanente dell’udito, non accompagnata da affezione purulenta dell’orecchio medio, quando l’audizione della voce di conversazione sia ridotta a due metri, accertata con esame audiometrico.
.
31) Otite media purulenta cronica semplice.

32) Stenosi bilaterale del naso di notevole grado.

33) Le alterazioni organiche ed irreparabli di un occhio, essendo l’altro integro, che ne riducano l’acutezza visiva tra 4/50 e 3/10 della normale.

34) Dacriocistite purulenta cronica.

35) Congiuntiviti manifestamente croniche.

36) Le cicatrici delle palpebre congiuntivali, provocanti disturbi oculari di rilievo (ectropion, entropion, simblefaron, lagoftalmo).

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile