Aumento età pensionabile 2019 e quota 41

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

L’aumento dell’età pensionabile previsto per il 2019 andrà ad influire anche sulla quota 41 per i lavoratori precoci?

Maturerò 41 anni di contributi al 1 febbraio 2019, ho lavorato due anni prima del 19 esimo anno d’età con relativi contributi. Sono stata licenziata a luglio 2014 ho usufruito di 1 anno di Naspi e ho immediatamente collegato alla fine della naspi la contribuzione volontaria pagando gli stessi contributi che pagava la mia azienda. Con la legge Fornero sarei dovuta accedere alla pensione conteggio fatto dall’INPS a maggio 2020 con 42 anni e 3 mesi. Secondo lei potrei accedere alla pensione prima con la legge per i precoci visto che ho quasi consumato la mia liquidazione per pagare i contributi? Pago 2.850 euro ogni tre mesi. Attendo una sua risposta. Grazie

La quota 41 dei lavoratori precoci prevede l’accesso con 41 anni di contributi (nel 2018) per chi ha maturato 41 anni di contributi di cui 12 mesi (derivanti da lavoro effettivo) versati prima del compimento dei 19 anni di età. Per accedere alla quota 41 dei lavoratori precoci si deve appartenere ad una delle tipologie di lavoratori tutelate, ovvero caregiver, invalidi, disoccupati, usuranti o gravosi.

Lei potrebbe rientrarci come lavoratore disoccupato in quanto è chiaramente specificato che nella quota 41 rientrano i lavoratori dipendenti in stato di disoccupazione per cessazione del rapporto di lavoro a seguito di licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale e che non percepiscono più da almeno tre mesi la prestazione per la disoccupazione loro spettante.

Maturando, però, i requisiti a febbraio 2019 sarà soggetta all’aumento dell’età pensionabile che scatterà a partire dal 1 gennaio 2019 e che prevede, per adeguamento all’aspettativa di vita Istat, un aumento di 5 mesi dei requisiti per accedere a qualsiasi tipologia di pensione, ivi compresa la quota 41 per i lavoratori precoci che, quindi, dal 2019 richiederà 41 anni e 5 mesi di contributi per l’accesso.

Potrà accedere al pensionamento con questa misura, quindi, continuando a versare contributi volontari a luglio 2019, quando maturerà 41 anni e 5 mesi di contributi.

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile