Il consiglio regionale del Piemonte chiede al MIUR 200 docenti in più

di Giulia Boffa
ipsef

Red – Il Consiglio regionale del Piemonte ha  approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato da Gianna Pentenero del Pd e condiviso da numerosi consiglieri di maggioranza e opposizione, per chiedere al Ministero dell’Istruzione 200 posti in più nell’organico del personale docente delle scuole della regione per il prossimo anno scolastico, da definire entro il 20 luglio.

Red – Il Consiglio regionale del Piemonte ha  approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato da Gianna Pentenero del Pd e condiviso da numerosi consiglieri di maggioranza e opposizione, per chiedere al Ministero dell’Istruzione 200 posti in più nell’organico del personale docente delle scuole della regione per il prossimo anno scolastico, da definire entro il 20 luglio.

Tra le criticità evidenziate dai consiglieri spicca innanzitutto l’aumento del numero degli alunni che porta ad avere classi troppo numerose per mancanza di docenti (in provincia di Alessandria si arriva a 23 alunni per classe alle elementari), la crescita del numero degli allievi stranieri (sono il 5% degli iscritti) in tutti gli ordini di scuola che hanno bisogno di percorsi formativi mirati, la sempre maggiore richiesta da parte delle famiglie di attivare il tempo pieno nella scuola primaria che richiede la compresenza di due insegnanti per classe.

Si sottolinea anche la difficoltà di trovare docenti per l’insegnamento della lingua inglese e di uno strumento musicale nella scuola primaria, come disposto da una recente circolare ministeriale.

Infine si fa anche riferimento alle difficoltà legate alla presenza di molte scuole nelle zone montane e collinari del Piemonte e alla ridotta presenza di personale tecnico e ausiliario per mancanza di fondi.
 

Versione stampabile
soloformazione