Consigli intersezione, classe e interclasse: vanno eletti entro il 31 ottobre. La procedura

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Organi collegiali annuali: entro quando devono essere eletti e secondo quale procedura. Composizione consigli di classe, intersezione e interclasse.

Circolare Miur

Il Miur, come riferito, ha pubblicato l’annuale circolare che fornisce indicazioni sull’elezione degli organi collegiali.

La circolare, riguardo alle procedure da seguire, rinvia all’Ordinanza Ministeriale n. 215/91, modificata e integrata dalle Ordinanze n. 267/95, 293/96 e 277/98.

Organi collegiali annuali

Gli organi collegiali annuali sono i consigli di classe, interclasse e intersezione, all’interno dei quali vanno eletti i rappresentanti dei genitori e degli alunni (nella scuola secondaria di secondo grado).

Procedura

Ecco in sintesi la procedura che va seguita per l’elezione dei rappresentanti dei genitori e degli alunni (nella scuola secondaria di secondo grado):

  • entro il 31 ottobre di ogni anno il dirigente scolastico convoca per ciascuna classe – o per ciascuna sezione – l’assemblea dei genitori e, nelle scuole secondarie di secondo grado e artistiche, separatamente quella degli studenti;
  • in occasione delle assemblee per eleggere i rappresentanti degli studenti nel consiglio di classe, la componente studentesca elegge anche i propri rappresentanti nel consiglio di istituto delle scuole secondarie di secondo grado e artistiche. In tal caso si adotta il consueto sistema delle liste contrapposte di cui all’art. 20 del D.P.R. 31 maggio 1974, n.416. Le liste predette sono presentate dal 20° al 15° giorno antecedente le votazioni;
  • la data di convocazione di ciascuna delle assemblee è stabilita dal consiglio di circolo/ istituto in giorno non festivo e, per la componente dei genitori, comunque al di fuori dell’orario delle lezioni. La convocazione è soggetta a preavviso scritto di almeno 8 giorni;
  • il dirigente si assicura, nelle forme più idonee, che i genitori, anche per il tramite dei propri figli, siano informati sulla convocazione dell’assemblea.
  • la convocazione delle assemblee deve indicare:

– l’orario di apertura dei lavori dell’assemblea, che dura il tempo necessario all’ascolto e alla discussione della programmazione didattico-educativa annuale esposta dal dirigente o del docente delegato e all’esame dei primi problemi della classe rappresentati dai genitori o dagli studenti, dal preside o dal docente delegato o dai docenti presenti;

– le modalità di votazione, quelle di costituzione del seggio e l’orario di apertura e chiusura del medesimo, che sono fissate dal consiglio di circolo/istituto possibilmente in modo che per i genitori le operazioni di votazione inizino in orario tale da favorire la massima affluenza degli stessi e si svolgano in non meno di due ore e senza soluzione di continuità rispetto all’assemblea, che si conclude con l’inizio delle operazioni elettorali.

  • in ciascuna classe, subito dopo la conclusione dell’assemblea, deve essere costituito un seggio elettorale per facilitare e rendere rapide le operazioni di voto, quelle di scrutinio e di proclamazione degli eletti;
  • limitatamente alla sola elezione dei rappresentanti dei genitori, nella eventualità in cui gli elettori di una o più classi siano presenti in numero esiguo, è consentito, subito dopo l’assemblea, far votare gli stessi presso il seggio di altra classe, nella quale a tal fine deve essere trasferito l’elenco degli elettori della classe e l’urna elettorale.
  • le elezioni dei rappresentanti dei genitori e degli alunni nei consigli di classe, di interclasse e di intersezione hanno luogo per ciascuna componente sulla base di una unica lista comprendente tutti gli elettori in ordine alfabetico. Ciascun elettore può votare la metà dei membri da eleggere se i candidati sono in numero superiore a uno.
  • nell’ipotesi in cui due o più genitori o alunni riportino, ai fini dell’elezione dei consigli di classe, di interclasse e di intersezione, lo stesso numero di voti, si procede, ai fini della proclamazione, per sorteggio.

Il numero dei rappresentanti dei genitori da eleggere è:

  • uno per sezione alla scuola dell’infanzia;
  • una per classe alla scuola primaria;
  • quattro per classe alla scuola secondaria di primo grado;
  • due per classe alla scuola secondaria di secondo grado

Il numero dei rappresentanti degli studenti da eleggere nella scuola secondaria di secondo grado è:

  • due studenti per classe

Composizione consigli

Scuola dell’Infanzia Consiglio di intersezione : è composto dai docenti delle sezioni  (inclusi quelli di sostegno se presenti) e un rappresentante dei genitori per ciascuna sezione.

Scuola PrimariaConsiglio di interclasse:  è composto dai docenti (inclusi quelli di sostegno se presenti) dei gruppi di classi parallele (o dello stesso ciclo o dello stesso plesso) e da un rappresentante dei genitori per ciascuna classe.

Scuola secondaria primo gradoConsiglio di classe: è composto dai docenti di ogni singola classe (inclusi quelli di sostegno) e dai quattro rappresentanti dei genitori.

Scuola secondaria secondo gradoConsiglio di classe: è composto dai docenti di ogni singola classe (inclusi quelli di sostegno), dai due rappresentanti dei genitori e due rappresentanti degli studenti.

Sono tutti presieduti dal Dirigente scolastico o da un docente delegato.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione