Congresso Nazionale Disal, “Riconciliare la scuola con la vita. Dirigere l’innovazione”

WhatsApp
Telegram

DISAL – Si svolgerà a Firenze nei giorni 30 – 31 marzo e 1 aprile 2017 il 25° Convegno nazionale di DiSAL, al quale parteciperanno Dirigenti scolastici, Responsabili di direzione, Direttori della Formazione Professionale, Figure di Staff, Docenti vicari e Direttori amministrativi delle scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado, con rappresentanti degli USR, degli AST, Dirigenti Tecnici , nonché a Responsabili istruzione e formazione degli Enti locali.

Provenienti da ogni regione e dall’estero, i partecipanti si confronteranno su di un tema ricco o propositivo: “Riconciliare la scuola con la vita. Dirigere l’innovazione”: al centro dell’appuntamento cultura, responsabilità e competenze per una nuova dirigenza.
«Riconciliare la scuola con la vita: di questo c’è principalmente bisogno oggi negli ambienti educativi e questo sta già accadendo, in tante scuole – afferma Ezio Delfino presidente nazionale DiSAL – . Occorre, però, una sensibilità capace di sostenere spazi e tempi di questo rinnovamento in atto e individuarne i segni nei diversi attori: studenti, docenti, genitori. E’ questo il contributo ed il compito decisivo del preside, oggi: un professionista che sa cogliere il nuovo che viene, valorizzarlo, garantirgli strumenti operativi, renderlo condivisibile».
Una direzione innovativa che affronta i problemi che sembrano rendere statiche e formali le scuole partendo, invece, da un positivo, dal tentativo di chi ha passione, da un’idealità operativa sostenendo progettazioni efficaci, percorsi didattici creativi, occasioni formative a misura del desiderio di conoscenza e di bene delle persone e dei contesti.
Il Convegno sarà arricchito, in tale prospettiva, da diverse presentazioni di esperienze di dirigenti scolastici di scuole statali e paritarie che realizzano modelli di scuola come comunità di apprendimento e di vita. AI lavori del Convegno partecipano, tra gli altri, Dario Nicoli sociologo dell’organizzazione dell’Università S. Cuore di Brescia, Norberto Bottani, analista di politiche scolastiche di fama europea, Claudio Tucci, giornalista de Il Sole 24 Ore, Giovanni Biondi, presidente di INDIRE, Ludovico Albert presidente della Fondazione per la scuola della Compagnia di S. Paolo, Vito De Filippo, sottosegretario all’Istruzione.
«Il Convegno nazionale DiSAL 2017 – puntualizza Ezio Delfino – intende da un lato cogliere la sfida del cambiamento a favore dei ragazzi e delle comunità scolastiche che è in atto, osservarlo, raccontarlo e rilanciarlo, e, dall’altro, indicare i profili, le caratteristiche, le modalità che realizzano una direzione che crei vera innovazione. Fino ad evidenziare gli eccessi e le storture di un sistema amministrativo scolastico che corre, invece, con un’altra velocità, con vincoli e regole ancora più numerose e pesanti di quelle del passato, quando invece c’è bisogno di snellezza, essenzialità e maggiore libertà, specie nell’iniziativa delle scuole, singole ed in rete».
Sabato 1 aprile si svolgerà, infine, una sessione internazionale, con il confronto di esperienze di direzione innovativa tra responsabili di scuole del Kosovo, della Finlandia, dell’Australia.
In un contesto di forte disagio per la dirigenza scolastica statale oggi, a causa dell’enorme burocratizzazione in atto e della quantità di nuovi compiti scaricati sui presidi senza strumenti adeguati, e Il Convegno rappresenta l’occasione per un rilancio dell’autonomia delle scuole e dell’associazionismo professionale, dimensioni necessarie ad una guida moderna ed efficace di ogni tipo di scuola.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur