Congelamento graduatorie e negazione del diritto alla riserva per le categorie protette

di Lalla
ipsef

inviato in redazione da F. – La notizia del possibile congelamento delle graduatorie ad esaurimento, nonostante l’ultimo decreto di aggiornamento D.M. 42, 8 aprile 2009 e la legge 167/09 ne preveda l’aggiornamento, produce un gravissimo danno nei confronti dei docenti precari in attesa di poter dichiarare i titoli di riserva acquisiti o riconosciuti nel periodo successivo all’ultimo aggiornamento.

inviato in redazione da F. – La notizia del possibile congelamento delle graduatorie ad esaurimento, nonostante l’ultimo decreto di aggiornamento D.M. 42, 8 aprile 2009 e la legge 167/09 ne preveda l’aggiornamento, produce un gravissimo danno nei confronti dei docenti precari in attesa di poter dichiarare i titoli di riserva acquisiti o riconosciuti nel periodo successivo all’ultimo aggiornamento.

Stiamo parlando di quei docenti appartenenti alle ‘categorie protette’ tutelate dalla legge 68/99 (invalidi civili, del lavoro, orfani e coniugi superstiti di deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio e altre categorie riportate nell’allegato 5 al D.M. 42 dell’8 aprile 2009).

Il diritto alla riserva (L. 68/99) prevede un iter di riconoscimento molto lungo e complesso, il Miur però consente di dichiarare l’appartenenza alla categoria dei riservisti solo in concomitanza all’aggiornamento delle graduatorie. Ne deriva che un docente, all’atto della riapertura delle graduatorie, potrebbe trovarsi ancora in fase di riconoscimento di tale di diritto e debba poi attendere il successivo decreto di aggiornamento per poter dichiarare lo status nel frattempo acquisito e certificato.

Non si comprende perché il Miur conceda solo 30 giorni ogni biennio per poter dichiare alcune situazioni invalidanti o di svantaggio sociale che, invece e purtroppo, non hanno scadenza, mentre in altri ambiti lavorativi è sempre possibile aggiornare eventuali diritti acquisiti. Tra l’altro, è bene precisare che la L. 68/99 si applica a tutti gli ambiti lavorativi, pubblici e privati, e non comporta nessun punteggio di servizio aggiuntivo, ma la regolamentazione all’accesso al mondo del lavoro di una particolare, e già svantaggiata, categoria di cittadini.

Ci chiediamo quindi se le eventuali prossime stipule di contratti a tempo determinato e indeterminato potranno essere considerate legittime. Infatti, il computo delle quote di riserva spettanti che ne verrà fuori risulterà necesariamente falsato, perché calcolato sulla base di graduatorie che non riconoscono lo status di riservista a docenti che in realtà e di diritto lo possiedono.

Ci rivolgiamo dunque a quanti (organi dello Stato, sindacati, associazioni) possono garantire il rispetto delle leggi per fare in modo che venga tutelato l’accesso al lavoro delle categorie protette, già segnate da condizioni di salute, familiari o sociali per nulla piacevoli o vantaggiose.

Per quanti volessero rimanere in contatto o studiare eventuali azioni di tutela rivolgersi a: [email protected]

Versione stampabile
anief
soloformazione