Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Congedo straordinario retribuito legge 104, residenza e come incide su retribuzione e carriera?

WhatsApp
Telegram

Il congedo straordinario non prevede solo vantaggi per chi lo richiede. Vediamo cosa comporta a livello lavorativo.

Per chi fruisce del congedo straordinario previsto dalla Legge 151/2001 per assistere un familiare con Legge 104 con handicap grave è prevista una indennità pari all’ultimo stipendio base. Ma non sempre la cosa può essere conveniente ai fini della carriera. Vediamo il perchè rispondendo alla domanda di una nostra lettrice:

Buongiorno sono un docente di scuola media superiore e mi chiamo Bitto Nunzio . Mia madre gode dei benefici della legge 104 con invalidità al 100%. Vorrei sapere , se possibile , se per poter godere dei due anni di congedo retribuito è necessario avere la stessa residenza e in che misura questo incide sulla retribuzione e sulla carriera . Ho cercato di trovare una risposta alla mia domanda , anche presso la mia amministrazione, ma ho sempre ricevuto risposte vaghe , ondivaghe e discordanti fra loro. 

Congedo straordinario e carriera

Premetto subito che per richiedere il congedo straordinaria è necessaria la residenza con il disabile. Il cambio di residenza non è richiesto solo in tre casi:

  • quando è un genitore che assiste il proprio figlio;
  • quando l’assistito e l’assistente vivono nello stesso stabile, allo stesso indirizzo, stesso numero civico ma in due interni differenti;
  • quando il caregiver chiedere la dimora temporanea nel Comune di residenza del familiare da assiste, cosa fattibile solo se i due vivono in due Comuni differenti.

Assistere un familiare disabile da diversi vantaggi, come quello di potersi assentare dal lavoro per un massimo di 24 mesi ricevendo un’indennità pari all’ultima retribuzione base. E tutto il periodo è coperto da contribuzione figurativa. Questo permette al lavoratore di occuparsi del familiare con Legge 104 con tutta la tranquillità del mondo senza doversi dividere tra lavoro e dovere di cura. Ma i vantaggi finiscono qui, almeno lato lavorativo.

Il lavoratore, quindi, non perde la retribuzione e nella maggior parte dei casi (tranne per chi ha stipendi molto molto alti) non ha problemi nella maturazione dei requisiti della pensione perchè per tutto il periodo ha contributi figurativi.

Il congedo straordinario però, ha un effetto negativo sulla carriera. Oltre a non dare diritto alla maturazione di permetti e ferie e alla tredicesima pagata dal datore di lavoro (è compresa nell’indennità che si riceve dall’INPS), non va ad incidere neanche sull’importo maturato per il trattamento di fine rapporto.

Ma la cosa più grave è che, come si legge nella circolare INPS 6 del 2014, interrompe gli scatti di carriera e quelli di anzianità.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana