Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Congedo per cure di 30 giorni l’anno: spetta con 75% di invalidità?

WhatsApp
Telegram

Quando un dipendente invalido può richiedere il congedo di 30 giorni per cure?

Non sempre quello che prevede la normativa appare chiaro per i lavoratori. E quello che ci viene detto, molto spesso, viene frainteso come nel caso del congedo per cure di 30 giorni l’anno che potrebbe spettare ai lavoratori invalidi.

Rispondiamo alla domanda di una nostra lettrice che ci scrive:

Buonasera sono una collaboratrice scolastica volevo sapere se con  invalidità al 75%si ha diritto ad  30giorni in più l’anno di malattia e come si fa per averlo visto che alla mia scuola non sanno nulla vi ringrazio in anticipo per una vostra risposta cordiali saluti

Congedo per cura di 30 giorni

Il congedo per cure di 30 giorni spetta ai lavoratori invalidi civili, così come previsto dal decreto legge 119 dell’11 agosto 2011. Viene riconosciuto agli invalidi con percentuale superiore al 50%. Non si tratta, quindi, come da lei erroneamente richiesto di un prolungamento della malattia, ma di un vero congedo retribuito dal lavoro.

A differenza della malattia, infatti, il congedo di 30 giorni l’anno può essere richiesto solo e soltanto per ricevere cure collegate alla patologia invalidante di cui si è affetti. Il periodo di congedo, che sottolineiamo può essere richiesto anche nel comparto scuola, deve essere giustificato dalla documentazione medica che provi:

  • che la cura è collegata alla patologia invalidante;
  • che è necessario l’intervento di personale medico specializzato;
  • che le cure sono richieste dal proprio medico curante;
  •  che le cure non possono essere posticipate.

I 30 giorni di congedo, in ogni caso, vengono retribuiti esattamente come le assenze per malattia. Le cure di cui si necessita, tra l’altro, non devono riferirsi ad analisi del sangue o, ad esempio, ad un periodo in cui si devono assumere determinati farmaci. Vi rientrano, ad esempio, fisioterapie e chemioterapia. Si deve trattare, quindi, di un ciclo terapico effettuato da personale medico specializzato. Al rientro al lavoro, inoltre, il dipendente è tenuto a dimostrare, tramite apposita documentazione, di aver effettivamente ricevuto le cure per le quali il congedo era stato richiesto.

Per rispondere alla sua domanda, quindi, se ha il 75% di invalidità ha pienamente diritto di fruire del congedo per cure.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur