Confermata la riduzione di 25.600 posti

di redazione
ipsef

Pubblichiamo i resoconti di UIL, CISL e GILDA sull’incontro di ieri relativamente agli organici per il prossimo anno scolastico. Poche ma significative le notizie sugli organici relativi alle superiori.  I tagli prevedono 8.700 unità in meno nella scuola primaria, circa 3.700 nella scuola secondaria di primo grado e 13.750 nella secondaria di secondo grado. Proseguirà il piano di formazione per lo sviluppo delle competenze di lingua inglese per la primaria, coinvolti circa 5000 docenti

Pubblichiamo i resoconti di UIL, CISL e GILDA sull’incontro di ieri relativamente agli organici per il prossimo anno scolastico. Poche ma significative le notizie sugli organici relativi alle superiori.  I tagli prevedono 8.700 unità in meno nella scuola primaria, circa 3.700 nella scuola secondaria di primo grado e 13.750 nella secondaria di secondo grado. Proseguirà il piano di formazione per lo sviluppo delle competenze di lingua inglese per la primaria, coinvolti circa 5000 docenti

UIL- Confermata la riduzione di 25.600 posti

"Un mix di tagli e gestione tutta burocratica rischia di minare la qualità della scuola.
Si interviene con tagli lineari e, anziché operare per la riqualificazione della spesa, si insiste con una gestione tutta burocratica.
Occorre, invece, fotografare la situazione reale e, su quella base, determinare il bisogno effettivo di organico".

Il giorno 31 marzo si sono svolti due incontri tra il Miur e le organizzazioni sindacali: nel primo è proseguita l’informativa sugli organici del personale docente per l’anno scolastico 2010/11, nel secondo è stata data un’informativa sul piano di formazione di lingua inglese per gli insegnanti di scuola primaria.
Per la UIL scuola ha partecipato Pasquale Proietti.

Organici
L’amministrazione ha illustrato una bozza di circolare che sarà oggetto di ulteriori approfondimenti nei prossimi incontri.
L’amministrazione intende definire la consistenza degli organici in attuazione di quanto stabilito dall’art. 64 della Legge 133/08 che, per l’anno scolastico 2010/11, comporterà una riduzione complessiva di organico di 25.600 unità di personale docente.
La riduzione che l’amministrazione intende realizzare, anche tenendo conto dell’andamento della previsione degli alunni, comporterà una contrazione di organico di circa 8.700 unità nella scuola primaria, di circa 3.700 nella scuola secondaria di primo grado e di circa 13.750 nella secondaria di secondo grado.
Per tale intervento l’amministrazione, oltre a tener conto dell’andamento degli alunni, agirà sull’innalzamento del rapporto alunni/classi, sul dimensionamento della rete scolastica e sul riordino dei cicli di studio.
Nella scuola dell’infanzia è previsto il consolidamento dell’organico di fatto dell’anno scolastico in corso che prevede un incremento nel diritto di 560 posti.
Per quanto riguarda il sostegno verrà recepita la sentenza della Corte Costituzionale, del 22 febbraio scorso, che abroga i limiti del tetto massimo complessivo di organico previsto dalla Legge 244/07.
Sempre per il sostegno verrà confermato l’incremento triennale dell’organico di diritto, previsto dalla stessa legge, che verrà determinato in 63.348 unità.
Rispetto alla riduzione complessiva dell’organico l’amministrazione è orientata ad agire in parte anche nel fatto.
Su un totale di 25.600 posti 22.000 verrebbero ridotti in organico di diritto e 3.600 in quello di fatto.
Nella scuola primaria, nelle classi prime e seconde, il tempo scuola verrà definito in 24, 27 e fino a 30 ore.
Le classi successive alla seconda continueranno a funzionare secondo gli orari attualmente previsti di 27 e 30 ore.
Le ore di insegnamento residuate dall’istituzione di classi con 24 ore e dalla presenza aggiuntiva di docenti specialisti per l’insegnamento di lingua inglese e della religione cattolica potranno essere impiegate per l’ampliamento dell’offerta formativa della scuola.
Nella scuola secondaria di 1°grado l’unica novità rispetto all’anno scolastico in corso riguarda la riconduzione anche della terza classe a tempo prolungato all’orario già previsto dal DM 37/09 per le prime e le seconde classi (copertura di 38/40 ore).
Nella scuola secondaria di 2° grado per la determinazione delle classi e dei posti l’amministrazione farà riferimento sia ai regolamenti relativi al riordino del 2° ciclo che al decreto, in via di emanazione, che dovrà regolare le riduzione delle ore di insegnamento delle classi II, III e IV degli istituti tecnici e professionali.
L’amministrazione ha anche ribadito che le cattedre costituite con orario inferiore all’orario obbligatorio d’insegnamento dovranno essere ricondotte a 18 ore, salvaguardando l’unitarietà dell’insegnamento.
La circolare sugli organici, ad avviso dell’amministrazione, dovrà contenere anche i riferimenti alle attuali classi di concorso su cui confluiranno automaticamente le discipline relative al primo anno di corso degli istituti di secondo grado interessati al riordino (vedere comunicato del 16 marzo).
La UIL, ha rappresentato una netta contrarietà alla possibilità, rappresentata dall’amministrazione, di costituire cattedre con orario superiore a 18 ore, a meno che ciò non sia finalizzato alla salvaguardia della titolarità.
La UIL, infine, ha manifestato netto dissenso sul modo tutto burocratico con cui l’amministrazione continua a procedere nella gestione dell’organico.
Anziché operare per la riqualificazione della spesa, attraverso l’eliminazione degli sprechi, procede con “tetti” predeterminati senza dare garanzie del rispetto delle norme sul numero degli alunni per classe e della qualità del servizio.
Per la UIL, per far funzionare la scuola, occorre fotografare la situazione reale e, su quella base, determinare il bisogno effettivo di organico.

__

CISL – Organici del personale docente: al MIUR è proseguita l’informativa

Organici

L’Amministrazione

  • ha nuovamente informato le Organizzazioni Sindacali che i provvedimenti per la definizione degli organici sono ancora in corso di definizione, non fornendo ulteriori elementi circa l’andamento delle iscrizioni nella scuola secondaria di secondo grado;
  • ha consegnato un documento contenete integrazioni alle tabelle di confluenza nelle attuali classi di concorso delle discipline relative al primo anno degli istituti secondari di II grado;
  • ha evidenziato – circa i criteri per l’individuazione delle classi di concorso a cui applicare la riduzione di orario nelle seconde, terze e quarte classi degli istituti tecnici e professionali – come tutt’ora permangano difficoltà derivanti dalla particolare frammentazione dei quadri-orario in riferimento alle numerose sperimentazioni in atto, rinviando, quindi, la presentazione di una bozza sulla materia. In via generale il criterio seguito è quello della  riduzione di una o due ore delle discipline con monte-ore annuale più elevato (uguale o superiore alle 99 ore) e proporzionalmente delle eventuali correlate ore di compresenza dei laboratori;
  • ha confermato che la riduzione nelle classi successive alle prime non riguarda nè il liceo delle scienze applicate (ancorchè attivato presso istituti tecnici) nè gli istituti d’arte confluiti nei licei artistici;
  • ha confermato, altresì, che sono esclusi da ogni riduzioni anche i licei europei e internazionali, non toccati dal nuovo ordinamento e per i quali sarà predisposto uno specifico regolamento;
  • ha ribadito che la costituzione delle cattedre della secondaria di II grado sarà gestita dal sistema informativo MIUR sulla base delle attuali classi di concorso, escludendo una potestà decisionale da parte delle singole scuole. Ove la riconduzione a 18 ore non risulti praticabile (ed es. per insegnamenti di 4 o 5 ore settimanali) saranno costituite cattedre in organico di diritto con un numero inferiore di ore (fino a 15); la costituzione di cattedre superiore a 18 ore sarà consentita in fase residuale per contemperare il raggiungimento degli obiettivi di contenimento con la salvaguardia delle titolarità;
  • ha comunicato che – per quanto riguarda i posti di sostegno – si dovrà necessariamente tener conto della sentenza della Corte Costituzionale nella quale è dichiarata l’illegittimità dei "tetti" in organico di fatto, confermando, al contempo, l’incremento dei posti già previsto in organico di diritto.

La prosecuzione dell’informativa è stata calendarizzata per giovedì 8 aprile, data in cui dovrebbero essere finalmente disponibili le bozze dei provvedimenti. 

* * *

Formazione lingua inglese nella scuola primaria

L’Amministrazione ha reso noto che è in fase di avvio la prosecuzione del piano di formazione per lo sviluppo delle competenze di lingua inglese che vedrà coinvolta una platea di circa 5000 docenti. 

Una prima tranche di circa 2.000 unità sarà avviata all’attività di formazione entro la fine di questo anno scolastico, con l’obiettivo di un’utilizzazione (previo svolgimento di 50 ore di formazione) già dal prossimo 1° settembre sulle classi prime e seconde, anche se – a tale data – non sarà ancora completato l’intero percorso formativo, percorso che sarà articolato in una scansione triennale per complessive 340 ore (100 + 100 + 140, con in ciascun "pacchetto"  30 ore di attività in presenza), necessarie per conseguire il livello di competenza certificata B2.

I rimanenti 3.000 docenti saranno coinvolti nel corso a partire dal prossimo anno scolastico.

Il contingente dei 2.000 docenti sarà selezionato in base a requisiti che tengono conto, tra l’altro, di un livello di competenza linguistica superiore ad A1 e dell’appartenenza a province in cui si registra maggiore carenza di risorse professionali.

A tale riguardo è stata consegnata alle Organizzazioni Sindacali una tabella da cui risulta la situazione regionale dei docenti specializzati e specialisti e la previsione dei docenti che saranno inseriti nei primi corsi di formazione. 

Siamo sicuramente in presenza di una modalità che appare fortemente condizionata dalla necessità di far fronte, in tempi compressi, alla drastica riduzione che si prevede in organico per gli specialisti di lingua inglese.

Il MIUR ha dichiarato l’intenzione di attivare, in proposito, opportune misure di sostegno la cui effettiva messa in atto siamo fin d’ora impegnati a rivendicare con determinazione: affiancamento in avvio con docenti tutor; esonero dal servizio per la frequenza dei corsi; assegnazione di borse di studio (modello Comenius) per corsi di lingua all’estero.

__

GILDA – Organici e piano di formazione sulla lingua inglese. Incontro al MIUR

Si è svolto in data odierna l’incontro relativo all’informazione sugli organici di diritto per il prossimo anno scolastico e sul piano di formazione della lingua Inglese.

In merito al primo punto sono stati illustrati i contenuti della bozza di circolare ministeriale che sarà discussa nell’incontro dell’8 aprile e conclusa presumibilmente il 20. Il dott. Chiappetta ha informato le OO.SS. che per il momento non sono ancora disponibili gli elenchi delle classi di concorso che subiranno le riduzioni orarie nelle classi intermedie degli Istituti tecnici e nelle seconde e terze classi degli istituti professionali, ma dovrebbero esserci inviate nei prossimi giorni.
Per quanto riguarda la suddetta bozza di circolare ministeriale, siamo stati informati della sua complessità a causa dell’ avvio della riforma delle superiori applicata solo alle classi prime. Le riduzioni orarie di cui sopra non riguarderanno comunque le classi successive alle prime dei licei artistici, in quanto si tratta della prosecuzione degli istituti d’arte che non si configurano come licei o istituti professionali. Neanche i licei delle scienze applicate subiranno riduzioni orarie.

L’ obiettivo della riduzione dei 25.600 posti in organico si raggiungerà in 2 fasi: 22.000 in organico di diritto e 3.600 in quello di fatto. In ogni caso, comunque, tale obiettivo finalizzato al risparmio va conseguito al termine della determinazione di quest’ ultimo organico. In merito alle disposizioni relative alla formazione delle classi si fa esplicito rinvio a quanto disposto con la circolare ministeriale n. 38 del 2009, relativa all’ organico di diritto dell’ anno in corso. In particolare nella scuola dell’infanzia saranno consolidati in organico di diritto i posti attivati nel corrente anno scolastico; nella scuola primaria il modello del maestro unico sarà attivato per scorrimento nelle seconde classi; nella secondaria di primo grado anche le terze classi si adegueranno al quadro orario settimanale già vigente per le altre 2 classi.

Nell’istruzione di secondo grado c’ è stata ampia discussione sulla riconduzione delle cattedre a 18 ore, dato che l’ Amministrazione intende proporre lo sforamento del limite contrattuale delle 18 h, qualora necessario per raggiungere l’ obiettivo finanziario di cui all’art. 64 della L. 133/08. La FGU si è battuta affinchè venga scongiurato tale sforamento nel rispetto del CCNL vigente. In ogni caso ha chiesto che cattedre da 15 a 17 ore vengano completate fino a 18 mediante il potenziamento dell’ offerta formativa.

Per quanto riguarda le nuove classi di concorso, essendo ancora in fase di definizione il relativo regolamento, esse non potranno essere utilizzate nell’ organico di diritto.

Relativamente alla quota di flessibilità riservata all’ Autonomia, i 3 Regolamenti del riordino del secondo ciclo prevedono che le istituzioni scolastiche potranno utilizzarla nella misura massima del 20% del monte ore complessivo, ma tale utilizzo non potrà determinare esubero.

Infine, in merito ai posti di sostegno, dopo la sentenza n. 80 del 22 febbraio 2010 della Corte Costituzionale che ha dichiarato l’incostituzionalità del limite massimo imposto dalla finanziaria 2008 al numero dei posti degli insegnanti di sostegno, l’organico deve riferirsi ai bisogni reali dell’ utenza nel rispetto delle diagnosi funzionali dei disabili. Perciò ci saranno ulteriori disposizioni al riguardo.

Conclusa questa informativa sugli organici si è affrontato qualche aspetto della mobilità on line e si è convenuto con l’amministrazione che le domande rimaste in bozza e non precedentemente trasmesse, vanno considerate valide ai fini della mobilità. Altrettanto dicasi, per quanto riguarda l’ integrazione delle domande presentate nei termini.
Il dott. Chiappetta, infine, dietro nostra segnalazione ha comunicato alle istituzioni scolastiche della provincia di Napoli che le dichiarazioni di servizio cartacee, sostitutive dell’ apposito prefincato, vanno regolarmente trasmesse ai competenti USP.

Relativamente al secondo punto all’ odg, ci è stato detto che saranno necessari dal prossimo settembre 2.000 docenti specializzati in più rispetto a quelli che vi insegnano attualmente e saranno utilizzati solo nelle prime e seconde classi, probabilmente assistiti dai docenti formatori.
La FGU ha chiesto al dott. Chiappetta che i corsi di formazione per l’ insegnamento della lingua inglese vengano rigorosamente attivati in orario di servizio ed il direttore si è impegnato in tal senso.

Come si è accennato, la prosecuzione dell’informativa è stata calendarizzata per giovedì 8 aprile.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione