Conferenza Stato Regioni, accordo per rappresentante regionale in Europa in materia di istruzione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La Conferenza Stato Regioni ha sottoscritto, il 12 luglio u.s., un Accordo relativo alla collaborazione delle Regioni con la Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione europea sulle materie dell’istruzione.

Accordo

L’Accordo, come riferisce la Flc Cgil, prevede che alle sessioni di lavoro del “Coreper”  (“Comité des Représentants Permanents”, Comitato dei Rappresentanti Permanenti) partecipi anche un dirigente o funzionario, appartenente ai ruoli dell’amministrazione di una Regione o di una Provincia autonoma.

L’incarico del dirigente o funzionario dura due anni e si può rinnovare sino ad un massimo di quattro.

L’Accordo ha una durata pari a otto anni.

Materie di intervento

Il dirigente o funzionario può intervenire in merito a:

  • la programmazione dell’offerta formativa integrata fra istruzione e formazione professionale
  • la promozione del diritto allo studio
  • gli standard strutturali, organizzativi e qualitativi dei servizi educativi per l’infanzia e della scuola dell’infanzia
  • i programmi europei per l’istruzione

Gli interventi del dirigente o funzionario sono coordinati con i rappresentanti del MIUR e con la Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unione Europea.

Coreper

Il Coreper ha il compito di preparare i lavori del Consiglio dell’Unione Europea (ad eccezione di gran parte delle questioni agricole), nello specifico, prepara i Consigli settoriali nelle materie di competenza dell’Unione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione