Conferenza stampa su valutazione insegnanti

di Lalla
ipsef

MIUR – Il progetto che intende introdurre il merito nel sistema d’istruzione italiano e che valuta e premia le scuole e gli insegnanti è giunto al suo primo importante risultato. Si è conclusa infatti una delle due sperimentazioni "Valorizza", dedicata ai docenti, mentre sta procedendo la seconda "VSQ (Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole)" dedicata alle scuole. La valutazione degli insegnanti e delle scuole, per l’introduzione dei principi generali contenuti nel d.lgs. 150/2009, è stata avviata a febbraio 2011 e ha coinvolto complessivamente 110 istituti scolastici.

MIUR – Il progetto che intende introdurre il merito nel sistema d’istruzione italiano e che valuta e premia le scuole e gli insegnanti è giunto al suo primo importante risultato. Si è conclusa infatti una delle due sperimentazioni "Valorizza", dedicata ai docenti, mentre sta procedendo la seconda "VSQ (Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole)" dedicata alle scuole. La valutazione degli insegnanti e delle scuole, per l’introduzione dei principi generali contenuti nel d.lgs. 150/2009, è stata avviata a febbraio 2011 e ha coinvolto complessivamente 110 istituti scolastici.

 Il 31 maggio si è concluso il progetto sperimentale "Valorizza" per la valutazione dei docenti delle scuole di ogni ordine e grado. Il progetto ha avuto l’obiettivo di sperimentare modalità e strumenti per l’individuazione e la valorizzazione degli insegnanti che si sono distinti per un generale apprezzamento nelle proprie scuole. Per i docenti selezionati è prevista l’assegnazione di un incentivo economico pari ad una mensilità lorda di stipendio.

Prosegue contemporaneamente anche il Progetto sperimentale "VSQ (Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole)", riservato alle scuole medie, con l’obiettivo di sperimentare modalità, strumenti e risorse per la valutazione degli istituti scolastici, prevedendo l’assegnazione di incentivi e percorsi di miglioramento a supporto della qualità delle scuole.

Nel pieno rispetto del principio dell’autonomia scolastica, la partecipazione ad entrambi i progetti, da parte di ogni singola scuola, è stata volontaria e decisa con delibera formale del collegio dei docenti.

Progetto "Valorizza": la valutazione dei docenti

Il 31 maggio sono stati pubblicati, presso ciascuna scuola, i nomi dei docenti selezionati dal progetto "Valorizza": in tutto 276.

La sperimentazione ha coinvolto 905 docenti di 33 scuole delle Regioni Piemonte, Lombardia e Campania.

Elementi principali del progetto:

* autovalutazione professionale;
* apprezzamento comprovato e condiviso all’interno di ciascuna scuola;
* apprezzamento dell’utenza (genitori e studenti degli ultimi due anni delle scuole secondarie di II grado), opportunamente rilevato e validato.

In ogni scuola si è costituito un "Nucleo di valutazione" composto dal Dirigente scolastico e da due docenti eletti dal Collegio docenti.

Un gruppo di esperti ha presentato il progetto alle singole scuole, le ha assistite nella fase di organizzazione e di realizzazione ed ha seguito i lavori del Nucleo, senza interferire nella sua autonomia valutativa. Sono stati forniti agli Esperti ed ai Nuclei gli strumenti e le linee-guida per la gestione del processo di valutazione.

La Fondazione per la Scuola della Compagnia di S. Paolo e l’Associazione TreeLLLe in piena autonomia, stanno conducendo una ricerca scientifica sul progetto "Valorizza" per raccogliere indicazioni ed elementi per perfezionare il metodo.

I risultati della ricerca saranno presentati dalle Fondazioni nel mese di ottobre.

Progetto "VSQ (Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole)": la valutazione degli istituti scolastici

La sperimentazione ha individuato un modello per la valutazione delle scuole, basato su criteri trasparenti, condivisi, affidabili e basati su elementi oggettivi.

Sono stati utilizzati alcuni dei parametri contenuti nell’indagine VALSIS, condotta dall’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema di Istruzione (INVALSI).

Il Progetto riguarda 77 scuole delle province di Arezzo, Mantova, Pavia e Siracusa, di cui 69 Istituti comprensivi e 8 scuole secondarie di primo grado, circa 5.600 docenti e 57.000 famiglie.

Elementi principali:

* Misurazione del miglioramento degli apprendimenti. La misurazione si è svolta attraverso test nazionali predisposti dall’Invalsi, proposti, il 12 maggio, agli alunni della scuola media (alla fine della prima classe). I risultati sono confrontati con quelli ottenuti dagli stessi alunni nel precedente test della classe quinta primaria. Viene così misurato dall’INVALSI il miglioramento degli apprendimenti ottenuto da ciascuna scuola, tenendo conto dello specifico contesto socio-culturale in cui essa opera (calcolo del valore aggiunto contestuale).

* Analisi valutative condotte da commissioni di valutazione. Le commissioni sono costituite da esperti esterni (ispettori e dirigenti scolastici, esperti universitari) individuati e formati dall’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica (ANSAS), in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma "La Sapienza". L’obiettivo delle commissioni è la valutazione complessiva del contesto scolastico, attraverso periodi di osservazione e protocolli di visita previsti nel primo anno e nel corso degli anni successivi.

Il progetto VSQ coinvolge attualmente 77 scuole delle province di Arezzo, Mantova, Pavia e Siracusa. Sono state costituite 16 commissioni di valutazione ("team di visita", composti da 3 osservatori esterni) e ad ogni team sono state affidate 5 scuole.

All’inizio di maggio tutti i coordinatori dei team hanno presentato nelle scuole il progetto al corpo docente e al personale ATA e programmato le successive attività (focus group con personale scolastico e con i genitori, intervista al dirigente scolastico, avvio della compilazione dei questionari on line sulla percezione del contesto scolastico, questionario per i genitori).

Entro il mese di dicembre a ciascuna scuola sarà presentato un rapporto dettagliato con l’analisi dei risultati degli apprendimenti e con le valutazioni delle commissioni di osservatori. Sulla base di queste analisi ogni istituto dovrà progettare un piano di miglioramento, finanziato dal MIUR e supportato dall’ANSAS.

Anche sul funzionamento di VSQ è in corso una ricerca scientifica condotta in piena autonomia e con proprie risorse dalla "Fondazione Giovanni Agnelli".

Infine, per il 30 giugno è in programma un incontro seminariale con il Ministro e con gli istituti scolastici coinvolti di entrambi i progetti, per discutere ed analizzare le esperienze vissute sul campo.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione