Condannato all’ergastolo per strage aggravata l’assassino di Melisa Bassi, la studentessa della scuola Morvillo di Brindisi

di Giulia Boffa
ipsef

Red – La Corte d’Assise di Brindisi ha condannato all’ergastolo Giovanni Vantaggiato per la bomba davanti alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi del 19 maggio 2012, che causò la morte della studentessa sedicenne Melissa Bassi e il ferimento di altre nove persone tra studenti e passanti.

Red – La Corte d’Assise di Brindisi ha condannato all’ergastolo Giovanni Vantaggiato per la bomba davanti alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi del 19 maggio 2012, che causò la morte della studentessa sedicenne Melissa Bassi e il ferimento di altre nove persone tra studenti e passanti.

I giudici hanno condannato l’imputato per strage aggravata da finalità terroristica, colpevole di tutti i reati contestati dal procuratore di Lecce Cataldo Motta e dal sostituto Guglielmo Cataldi che sono, oltre alla strage aggravata dalla finalità terroristica, anche la costruzione e il possesso di ordigno micidiale, in merito all’attentato di Brindisi, e tentato omicidio pluriaggravato dell’imprenditore di Torre Santa Susanna Cosimo Parato.

Inutili i tentativi della difesa, rappresentata dall’avvocato Franco Orlando, di risparmiare all’imputato l’aggravante della finalità terroristica e di ottenere la riqualificazione del reato da strage in omicidio.

La Corte ha anche negato la perizia psichiatrica all’imputato per accertare la presenza di disturbi della personalità.

I giudici hanno disposto anche l’ammontare complessivo del danno da liquidare alle parti civili (sette enti e 37 persone fisiche) che sara’ stabilito in sede civile.

 Intanto e’ stata disposta anche una provvisionale di 200.000 euro per Cosimo Parato, imprenditore di Torre Santa Susanna vittima dell’attentato del 24 febbraio 2008, e di 25.000 euro ciascuno ai suoi familiari.

 Duecentomila euro anche per Veronica e Vanessa, per Azzurra, Selena e Sabrina, le studentesse ferite in maniera piu’ grave e 100mila per la sesta ragazza ferita. I genitori di Melissa Bassi daranno tutto in beneficenza  a due ospedali pediatrici ancora da individuare, per onorare il grande amore della figlia per i bambini.

 Duecentomila euro di risarcimento, a titolo di provvisionale, sono stati liquidati dalla Corte d’assise di Brindisi alla Regione Puglia, costituitasi parte civile nel processo a carico di Giovanni Vantaggiato, reo confesso dell’attentato alla scuola Morvillo di Brindisi.

 150.000 euro sono stati invece quantificati come provvisionale per il Comune, 100.000 per la Provincia e per il ministero dell’Interno, 25.000 per il ministero dell’Istruzione e per l’istituto Morvillo-Falcone di Brindisi.

Anche per gli enti, i giudici hanno disposto che i danni saranno quantificati e liquidati in sede civile, "ad eccezione del Comune di Mesagne, in favore del quale liquida la somma di 100 euro a titolo di danno morale"

Versione stampabile
anief anief
soloformazione