Concorso straordinario ter, entro la settimana l’ok di Bruxelles. Possibili 100mila candidati. Le ultime notizie

WhatsApp
Telegram

La Commissione europea è prossima a dare il via libera al bando di concorso per i primi 40 mila docenti che verranno assunti attraverso il nuovo percorso del Pnrr. Lo segnala Italia Oggi.

La decisione segue l’approvazione del regolamento attuativo connesso al Dpcm del 4 luglio scorso, già validato dalla Commissione e attualmente all’esame di Bruxelles. Con la recente pubblicazione del Dpcm sulla Gazzetta Ufficiale del 25 settembre, l’ultimo step necessario è il visto europeo, che darà il via al primo dei due concorsi programmati dal Ministero dell’Istruzione tra questo autunno e la prossima primavera.

Per la selezione concorsuale in arrivo, tutti gli aspiranti docenti che hanno conseguito 24 crediti formativi universitari entro il 31 ottobre 2022, o che hanno maturato almeno tre anni di anzianità di servizio, potranno partecipare. Le stime parlano di circa 100 mila potenziali candidati, secondo quanto riportato dalla Crui. Contrariamente alle passate edizioni, non ci sarà alcuna prova preselettiva, ma i candidati affronteranno una prova scritta seguita da una orale, dopo un anno di tirocinio.

La prova scritta, modificata recentemente con un emendamento parlamentare del PA bis (dl n. 75/2023), sarà un test a crocette focalizzato sull’accertamento delle conoscenze e competenze in ambito pedagogico, psicopedagogico e didattico-metodologico, oltre a sezioni dedicate all’informatica e alla lingua inglese. La parte orale, invece, valuterà le competenze nella disciplina della classe di concorso e l’abilità nell’insegnamento attraverso una lezione simulata.

Il primo concorso vedrà circa 40 mila posti a bando, suddivisi tra 30.216 posti di personale docente, di cui 21.101 su posto comune e 9.115 su posto di sostegno, ai quali si aggiungeranno circa 10 mila cattedre non coperte dalle immissioni in ruolo di quest’anno. La certificazione del nuovo contingente di docenti è attualmente all’esame del Ministero dell’Economia.

Per il secondo concorso Pnrr, previsto in primavera, si estenderà la partecipazione anche a chi avrà conseguito almeno 30 dei 60 cfu previsti dalla nuova disciplina per ottenere l’abilitazione. I posti saranno quelli lasciati liberi dai pensionamenti, che mediamente ammontano a circa 25 mila unità. Eventuali posti non coperti dal primo concorso potranno essere aggiunti alla disponibilità del secondo.

L’obiettivo del Pnrr è quello di assumere almeno 70 mila docenti entro il 2024 con le nuove regole, sebbene sia possibile una certa flessibilità in caso di necessità, come ad esempio una proroga per completare le procedure avviate. Questa eventualità potrebbe fornire un po’ di respiro alla macchina amministrativa e universitaria chiamata a formare e selezionare un notevole contingente di aspiranti docenti in tempi ristretti.

Concorso docenti procedura straordinaria: corso di preparazione con simulatore per la prova scritta. Prezzo lancio 150 euro

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri