Concorso straordinario, Tar Lazio chiede sessioni suppletive per i candidati impediti da Covid-19, come denunciato da Anief da oltre due mesi

Stampa

Comunicato Anief – Il giovane sindacato con una proposta di emendamento al disegno di legge di Bilancio intende far partecipare tutti i candidati alla graduatoria finale, eliminando la procedura selettiva in modo da garantire l’assunzione di tutti i 60 mila precari con 36 mesi di servizio partecipanti.

Marcello Pacifico (Anief): Siamo stati i primi a denunciare l’illegittima esclusione anche al ministero della Funzione Pubblica. Ora, chi era stato escluso può partecipare gratuitamente al ricorso ancora aperto al seguente link.

Una nuova ordinanza del Tar Lazio apre le porte alle prove suppletive ai docenti contagiati da Covid-19, i quali, poiché in quarantena, non hanno potuto partecipare al concorso straordinario per selezionare 32.000 docenti della scuola secondaria su circa 64.000 candidati con oltre 36 mesi di servizio svolto di cui almeno uno nella classe di concorso per cui si concorre. Anief ricorda che il concorso straordinario per la secondaria su posti comuni e di sostegno, introdotto il 23 aprile scorso e con il bando successivo, aveva preso il via, con lo svolgimento delle prime prove, il 22 ottobre scorso; poi, a causa dell’aumento del contagi con il Dpcm del 3 novembre scorso è giunto l’inevitabile stop del ministero dell’Istruzione attraverso una nota ufficiale. Da viale Trastevere hanno quindi annunciato che sarebbero rimaste valide le prove già effettuate da circa 35.000 candidati e che gli stessi dirigenti ministeriali avrebbe fornito istruzioni per la correzione degli elaborati consegnati. Oltre a un nuovo calendario per lo svolgimento delle prove già previste dal 5 al 16 novembre. Prove nelle quali dovranno ora essere inseriti gli esclusi che hanno presentato ricorso e a cui il Tar sta dando ragione.

LA POSIZIONE DEL SINDACATO

Prima ancora che partissero le prove, Anief aveva chiesto di predisporre delle prove aggiuntive, attraverso una motivata specifica Istanza/Diffida da inviare al Ministero dell’Istruzione e all’Usr. Si tratta, ricorda il sindacato, di una istanza/diffida che possono presentare tutti coloro che sono stati impossibilitati a partecipare alle prove così come calendarizzate perché sottoposti a isolamento fiduciario o obbligatorio o in ricovero ospedaliero o, comunque, per cause di forza maggiore correlate alle prescrizioni previste per il contenimento del contagio. Ancora oggi è possibile ricorrere gratuitamente con il sindacato per ottenere la partecipazione a una prova suppletiva. Anief continua a ribadire che la procedura deve essere finalizzata non più a selezionare ma a formare una graduatoria finale unica a scorrimento, dalla quale assumere in ruolo chi ha svolto 36 mesi di servizio: il posto c’è, basta la volontà.

Chi vuole ricorrere con Anief per partecipare alle prove suppletive del concorso straordinario della secondaria può cliccare qui.

Stampa