Concorso straordinario secondaria, 12 marzo riunione CSPI. Dopo eventuali modifiche

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Concorso straordinario: ci sarà un’altra informativa al Ministero.

Concorso straordinario abilitante

Nella giornata di ieri, come riferito, si è tenuta un’informativa al Ministero sul concorso straordinario scuola secondaria ai soli fini abilitanti, di cui vi abbiamo già ampiamente parlato:

Concorso straordinario abilitante: ecco come sarà la prova per docenti con tre anni di servizio in scuola paritaria, IeFP, misto

Concorso straordinario secondaria: contratto docenza, 24 CFU e prova orale per abilitazione

Si è parlato anche del concorso straordinario scuola secondaria per l’immissione in ruolo di 24mila docenti.

Concorso straordinario per l’immissione in ruolo

L’Amministrazione ha comunicato che ci sarà un’ulteriore informativa sul concorso straordinario per l’immissione in ruolo di 24 mila docenti, soltanto dopo l’espressione del parere del CSPI, la cui seduta del 4 marzo è saltata per la mancanza del numero legale.

La prossima riunione del CSPI è calendarizzata per il 12 marzo. Soltanto dopo, si svolgeranno gli incontri per eventuali modifiche da apportare, in base alle osservazioni del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione.

Concorsi a cattedra, nessuna decisione dal CSPI. Manca numero legale

Cosa chiedono  sindacati

  1. Requisiti di accesso: chiarire che i docenti con 3 anni di servizio su sostegno senza specializzazione possono partecipare al concorso straordinario per la classe di concorso da cui sono stati chiamati avendone titolo
  2. Pubblicazione della banca dati dei quesiti
  3. Punteggio prova scritta: massimo 30 punti. Valutazione dei titoli: massimo 70 punti (di cui 50 ai servizi come nel concorso straordinario per la scuola primaria e dell’infanzia). La proposta non inficia la selettività della prova che è superata comunque solo da chi ottiene 7/10
  4. Attribuire 5 punti per ogni anno di servizio
  5. Ridurre il numero dei quesiti e aumentare il tempo a disposizione
    Valutazione degli anni di servizio svolti su sostegno nella procedura concorsuale della classe di concorso
  6. Chiarire che gli specializzati/specializzandi su sostegno possono partecipare al concorso straordinario anche se i servizi relativi a posto di sostegno afferiscono a un ordine di scuola diverso
  7. Riconoscere il servizio svolto sulla materia alternativa alla religione cattolica come valido ai fini della partecipazione al concorso, relativamente alla classe di concorso da cui gli insegnanti sono stati nominati
  8. Ridurre il numero dei componenti delle commissioni prevedendo l’esonero dal servizio per i componenti
  9. Prevedere la tabella di corrispondenza del titolo di abilitazione su più classi di concorso a cascata

Riguardo al punto 1 e al punto 2, l’amministrazione e il Ministro sono stati irremovibili e non intendono cambiare posizione.

Versione stampabile