Concorso straordinario secondaria: si potrà partecipare solo per una procedura, posto comune o sostegno

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il concorso straordinario secondaria, da bandire entro novanta giorni dalla trasformazione del Decreto Legge che il Ministro si appresta a presentare al Consiglio dei ministri, presenta delle particolarità.

Il concorso, bandito a livello nazionale, sarà sia per i posti comuni (le classi di concorso) che il sostegno.

I requisiti

  • titolo di studio valido per l’accesso alla classe di concorso richiesta
  • almeno 3 anni di servizio su posto comune o di sostegno nella scuola statale svolti tra l’a.s. 2011/12 e il 2018/19.
  • il servizio sarà valido solo se svolto nelle scuole secondarie statali, nell’insegnamento di sostegno oppure in una classe di concorso. Un anno di servizio deve essere specifico per la classe richiesta.

Per partecipare alla procedura di sostegno è necessaria la relativa specializzazione + anno di servizio specifico.

Si può scegliere solo una procedura, posto comune o sostegno

La bozza del decreto scuola prevede che ciascun soggetto può partecipare al concorso straordinario in un’unica regione per il sostegno oppure, in alternativa, per una sola classe di concorso, purché abbiamo maturato – in entrambi i casi  – un anno di servizio specifico.

N.B. Si tratta dei contenuti di una bozza che, come tale, potranno essere soggetti a modifiche.

Versione stampabile
soloformazione