Concorso straordinario secondaria, prova scritta con quesiti a risposta multipla. Link al programma

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Concorso straordinario secondaria: approvato il Decreto legge, ci saranno 60 giorni di tempo per eventuali modifiche in Parlamento. Cosa dice a proposito della prova scritta. 

Chi può partecipare al concorso straordinario secondaria di I e II grado

I docenti devono essere in possesso di

  • titolo di studio valido per l’accesso all’insegnamento
  • tre anni di servizio svolti tra l’a.s 2011/12 e l’a.s. 2018/19 nelle scuole statali secondarie su posto comune o di sostegno, di cui uno specifico per la classe di concorso richiesta.
Il servizio è considerato valido se prestato come insegnante di sostegno oppure in una classe di concorso (quindi può partecipare anche il docente con servizio esclusivamente su sostegno).
Ciascun docente può partecipare in una sola regione e per una sola procedura (sostegno o posto comune).
La procedura sarà attivata per le regioni, classi di concorso e tipologie di posto per le quali si prevede che vi siano, negli anni scolastici dal 2020/21 al 2022/23 posti vacanti e disponibili.

La procedura

Prevede
  • prova scritta selettiva computer based con quesiti a risposta multipla da superare con 7/10.
  • graduatoria con punteggio prova scritta + titoli
  • immissione in ruolo e anno di prova per  24.000 posti
  • conseguimento dei 24 CFU (se non posseduti) con oneri a carico dello Stato
  • prova orale da superarsi con 7/10
  • conseguimento dell’abilitazione a fine anno prova

I docenti idonei che supereranno la prova scritta con 7/10 ma non rientreranno nei 24.000 posti potranno conseguire l’abilitazione:

  • se hanno una supplenza al 30 giugno o 31 agosto nelle scuole statali
  • conseguono i 24 CFu
  • Superano la prova orale selettiva

La prova scritta computer based

La prova scritta è da svolgersi con sistema informatizzato e composta da quesiti a risposta multipla.

La prova riguarda il programma di esame previsto per la prova dei concorsi per la scuola secondaria banditi nel 2018.

La prova si intenderà superata dai docenti che conseguiranno il punteggio minimo di sette decimi o equivalente.

Il programma di esame per il concorso straordinario 2019 si trova quindi nel bando del concorso 1° febbraio 2018, che così affermava ” La prova orale per i posti comuni, distinta per ciascuna classe di concorso, ha per oggetto il programma di cui all’allegato A del DM n. 95 del 2016, limitatamente alle parti e per i  contenuti riguardanti le classi di concorso della scuola secondaria di primo e secondo grado”

Il programma di studio è quindi quello dei precedenti concorsi 2016 e 2018, solo che questa volta la prova si baserà su quesiti a risposta multipla.

Preparati al concorso con il corso di Orizzonte Scuola per rientrare nei 24mila posti disponibili

Versione stampabile
anief banner
soloformazione