Concorso straordinario secondaria, iscrizione su Istanze on line: quali servizi indicare

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Concorso straordinario secondaria: il bando, atteso nelle prossime settimane, dovrà essere pubblicato entro il 30 aprile. Alcuni chiarimenti sulla compilazione della domanda. 

Servizio di consulenza per la presentazione della domanda

Un nostro lettore chiede

riguardo all’iscrizione per il concorso straordinario, nel momento della registrazione su Istanze online, siamo noi docenti che inseriamo i periodi dei servizi prestati oppure, prima, le segreterie ci rilasceranno delle certificazioni effettive dei servizi a cui ci riferiremo per indicarli su I. on L.?

La domanda è una autocertificazione. Sono i docenti ad inserire i servizi, nei limiti indicati dalla piattaforma.

Attenzione: il controllo dei titoli avviene a concorso concluso, per cui è bene non “rischiare” e inserire solo titoli che possono effettivamente essere valutati.

Come si conteggiano i servizi

Se ci sono state delle supplenze di brevi periodi, come verranno conteggiate?

I servizi prestati vanno indicati a partire da che anno?

L’attuale bozza della tabella di valutazione dei titoli afferma, a proposito dei servizi

“Servizio di insegnamento prestato sullo specifico posto o sulla
specifica classe di concorso per cui si concorre, nelle scuole del
sistema nazionale di istruzione nonché nell’ambito dei percorsi di
cui all’articolo 1, comma 3, del decreto legislativo 15 aprile 2005,
n. 76, relativi al sistema di istruzione e formazione professionale,
purché, nel caso dei predetti percorsi, il relativo servizio sia stato
svolto per la tipologia di posto o gli insegnamenti riconducibili alla
specifica classe di concorso. E’ altresì valutato il servizio prestato
nelle forme di cui al comma 3 dell’articolo 1 del decreto-legge 25
settembre 2009, n. 134, convertito, con modificazioni, dalla legge
24 novembre 2009, n. 167, nonché di cui al comma 4-bis
dell’articolo 5 del decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104,
convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128.
L’insegnamento prestato su posti di sostegno agli alunni con disabilità è valutato solo nella specifica procedura concorsuale e
sullo specifico grado.
Il servizio prestato su posto comune non vale per la procedura sul
sostegno.
Il servizio prestato nei percorsi di istruzione dei Paesi UE è
valutato ove riconducibile alla specificità del posto o della classe di
concorso.
Il servizio a tempo determinato è valutato ai sensi dell’articolo 11,
comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124. ”

Preparati al concorso con il corso di Orizzonte Scuola per rientrare nei 24mila posti disponibili

Quindi

  • vale solo il servizio specifico per la classe di concorso o posto di sostegno per cui si svolge il concorso
  • il servizio può essere stato svolto in scuole statali, paritarie o IeFP (purchè riconducibile alla specifica classe di concorso)
  • valgono anche i servizi svolti nei progetti regionali salvaprecari
  • il servizio prestato su posto di sostegno non vale per la classe di concorso e viceversa
  • il servizio vale se raggiunge l’annualità, ossia “servizio prestato per almeno 180 giorni nell’anno scolastico o, ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124 un servizio prestato ininterrottamente dal 1° febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale”
  • ogni anno di servizio vale 1 punto

Quindi, per il nostro lettore, le supplenze brevi andranno inserite esclusivamente se la loro somma darà l’annualità.

Non c’è un limite cronologico alla valutazione dei servizi, valgono anche servizi eventualmente svolti prima del 2008/09 (che è l’anno a partire dal quale si contano invece i servizi che servono come requisito di accesso).

N.B. Queste indicazioni provengono dalla bozza della tabella di valutazione dei titoli, adesso trasmessa dal ministero al CSPI.

La bozza, soprattutto per la valutazione dei servizi, è stata fortemente contestata dai sindacati, per cui non sappiamo se ci saranno delle modifiche.

La tabella ufficiale sarà allegata al bando e pubblicata in Gazzetta ufficiale.

Concorso straordinario secondaria: requisiti di accesso, prove e programmi, procedura abilitazione [AGGIORNATO]

Eventuali consulenze possono essere richieste a [email protected]

Versione stampabile