04 Agosto 2020 - Aggiornato alle 07:27

Concorso straordinario, nessun accordo tra PD, LeU e M5S, Italia Viva: sarà Conte a fare proposta. Oggi nuova riunione

Il vertice del premier Giuseppe Conte con il ministro Lucia Azzolina e i rappresentanti della maggioranza sul decreto scuola convocato alle 18.30 di ieri è finito con un nulla di fatto

Lo scontro all’interno della maggioranza riguarda le diverse posizioni tra  LeU e PD che chiedono una modifica normativa ed un concorso per soli titoli, e il Movimento 5 Stelle, supportato dal Ministro, che chiede il rispetto degli accordi presi a dicembre e il contenuto della normativa vigente che prevede una prova selettiva.

Terreno di scontro il Decreto scuola del quale si devono ancora votare gli emendamenti in VII Commissione cultura al Senato, alcuni dei quali chiedono una modifica del concorso straordinario

Dopo tre ore di incontro previsto al cospetto di Conte per trovare un quadra, c’è stallo a quanto si apprende da fonti parlamentar

Oggi con molta probabilità ci sarà una nuova riunione, e sarà il premier Giuseppe Conte, è stato deciso, ad avanzare una proposta di mediazione per arrivare a un accordo sul nodo dei concorsi e sulla norma del decreto scuola che dovrà essere votata lunedì. Ma le posizioni durante l’incontro non si sarebbero avvicinate.

Tra le novità dell’ultima ora, la posizione di Italia Viva che si è affiancata a quella del Movimento 5 Stelle

Ritorno a scuola. Il 14 settembre il riavvio in sicurezza, previsti nuovi spazi alternativi. Segui i corsi di Eurosofia sugli adeguamenti necessari