Concorso straordinario: prove slittano al 2021, quanti giorni di preavviso

Stampa

Concorso straordinario per il ruolo di cui al DD n. 510 del 23 aprile 2020: le prove sono state interrotte in ragione del DPCM 3 novembre intervenuto a causa dell’emergenza sanitaria. 

Subito dopo la sospensione il Ministero scriveva in una nota “Oltre il 60% dei candidati ha già svolto le prove. Il Ministero avvierà la correzione degli scritti delle procedure già effettuate.”

circostanza ancora ribadita in una nuova nota del 24 novembre, ma a parte l’efficiente Veneto che si è mosso per la convocazione delle commissioni al momento non è cambiato nulla.

Le disposizioni del DPCM 3 novembre scadranno il 3 dicembre ma il Governo si appresta ad un nuovo provvedimento che non sarà certo un “libera tutti”, sia perchè la curva dei contagi non lo consente, sia perché l’obiettivo è quello di contenere quanto più possibile la diffusione di una terza ondata.

Quando potranno ripartire le prove del concorso straordinario

Stando alle notizie attuali, il nuovo DPCM non consentirà lo spostamento tra regioni se non per alcune motivate deroghe.

E dunque le prove del concorso straordinario presumibilmente slitteranno ancora, al 2021.

I docenti interessati ci chiedono quale periodo di preavviso dovrà dare il Ministero per proporre un nuovo calendario?

In realtà il Ministero non ha detto nulla in proposito. E’ comunque ragionevole pensare che ci dovrà essere un lasso di tempo utile per le prenotazioni, dato che numerosi candidati svolgono la prova in regione diversa dalla propria.

Stampa

Aggiornamento Ata: Puoi migliorare il tuo punteggio in tempi rapidi: corso di dattilografia a soli 99 euro. Contatta Eurosofia