Concorso straordinario, Pittoni (Lega): “Lo stop rilancia le assunzioni da graduatorie. Azzolina ci pensi, invece di essere solo divisiva”

Stampa

Il concorso straordinario rientra tra le procedure concorsuali sospese dal nuovo DPCM. Tuttavia, come già scritto, il provvedimento entra in vigore da domani, giovedì 5 novembre, dunque i partecipanti alle prove di oggi, mercoledì 4 novembre, devono presentarsi per sostenere il test.

“In ritardo come quasi tutte le azioni dell’attuale Governo, alla fine lo stop al concorso per i docenti è arrivato. Decine di migliaia di insegnanti hanno però già messo a rischio la propria salute per partecipare. Di conseguenza si profila l’ennesima contrapposizione, stavolta fra chi – dopo la prova – è ormai convinto di avere il ruolo in tasca (quindi difenderà la procedura concorsuale) e coloro che puntano all’assunzione da graduatoria per titoli e servizio come normativa e buonsenso suggeriscono dall’inizio della crisi pandemica; sola strada, tra l’altro, a garantire il risultato in tempo utile. Diatriba comunque agilmente superabile con un corposo piano di stabilizzazione come quello che per primi abbiamo proposta a marzo e finora osteggiato da Azzolina, il ministro dell’Istruzione più divisivo della storia. Sempre che non s’intenda iniziare senza docenti anche il prossimo anno scolastico…”.

Così il senatore Mario Pittoni, responsabile Scuola della Lega e vice presidente della commissione Cultura a palazzo Madama.

LEGGI ANCHE

Concorso straordinario, Bucalo (Fratelli d’Italia): “Lo stop è una sconfitta politica per Azzolina” [INTERVISTA]

Pacifico (Anief): “Graduatoria annuale e percorsi abilitanti per i docenti con 36 mesi di servizio. Il concorso straordinario non risolve la supplentite” [INTERVISTA]

Concorso straordinario, Sinopoli (FLC Cgil): “Lo stop conferma scelta sbagliata fin dall’inizio. Adesso confronto serio con Azzolina” [INTERVISTA]

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia