Concorso straordinario per l’abilitazione, nulla di fatto. Ancora una volta docenti non possono partecipare alla mobilità

Stampa

Il Ministero ha pubblicato con Decreto Dipartimentale n. 497 del 21 aprile 2020 la procedura straordinaria per esami finalizzata all’accesso ai percorsi di abilitazione all’insegnamento sulle classi di concorso della scuola secondaria di primo e di secondo grado. le domande da parte degli interessati sono state presentate entro il 15 luglio. Da allora, le uniche notizie sono state il numero totale di domande presentate e null’altro.

Una nostra lettrice chiede

“vorrei chiedere notizie in merito alla procedura straordinaria per l’abilitazione. Ho partecipato, inviando domanda entro i termini, ma non ho più saputo nulla al riguardo. Speravo di conseguire altra abilitazione entro la scadenza delle procedure di mobilità per chiedere passaggio di ruolo (insegno alla scuola secondaria di I grado e avrei richiesto il II grado), ma così non è stato. Se fossi stata a conoscenza di questi ritardi , avrei partecipato senz’altro al concorso straordinario” 

La prova della procedura straordinaria: 60 domande in 60 minuti

La prova della procedura straordinaria  per l’abilitazione nella scuola secondaria di I e II grado consiste in una prova scritta computer based  composta da 60 quesiti a risposta multipla della durata di 60 minuti (fermi restando eventuali tempi aggiuntivi per candidati di cui all’art. 20 della legge 104/92

La prova è costituita da 60 quesiti a risposta chiusa con quattro opzioni di risposta, di cui una sola corretta, così ripartiti:

a. competenze disciplinari relative alla classe di concorso: 40 quesiti;
b. competenze didattico/metodologiche: 20 quesiti.

La risposta corretta vale 1 punto, la risposta non data o errata vale 0 punti. Il punteggio minimo per superare la prova è 42/60. Programma prova scritta

La seconda parte della procedura per ottenere l’abilitazione: serve supplenza almeno al 30 giugno

Per ogni classe di concorso la commissione stilerà degli elenchi non graduati formati dai docenti che superano la prova con il punteggio di almeno 42/60.

I docenti inseriti nell’elenco non graduato  acquisiranno l’abilitazione al compimento di quanto previsto dall’articolo 1, comma 13, lettera c), del predetto Decreto-Legge, a decorrere dall’anno scolastico 2020/21, su tutto il territorio nazionale.

Mobilità 2021

Va detto che in ogni caso, anche se la prova fosse già stata svolta, i docenti non avrebbero comunque potuto partecipare alla mobilità per l’anno scolastico 2021/22, perché la seconda parte della procedura prevede un percorso che non avrebbe potuto essere completato in tempo. In ogni caso, anche quest’anno i docenti sono costretti a non avere idea di quando tali procedure saranno sbloccate e soprattutto rischiano di non fare in tempo neanche per la mobilità dell’anno prossimo.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur