Concorso straordinario per il ruolo, prova scritta cambia ma non c’è ancora la data

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il decreto Scuola approvato ieri in Senato e che dal 3 giugno sarà all’esame della Camera ha modificato parti del concorso straordinario per l’immissione in ruolo nella scuola secondaria di I e II grado. 

Sono confermati i requisiti di accesso, ma cambia la prova. Non più a crocette, ma una prova con questi a risposta aperta. La prova sarà computerizzata.

Quando si svolgerà la prova

Questo è stato uno dei punti di dibattito all’interno della maggioranza: alcune forze politiche hanno chiesto un differimento della prova, inizialmente prevista per il mese di agosto e per la quale il Ministero aveva già cominciato a reperire le aule.

L’intesa all’interno della maggioranza ha previsto anche un rinvio della prova.

E infatti il Ministro, nel comunicare le nuove modalità del concorso straordinario, scrive “Le prove si svolgeranno appena le condizioni epidemiologiche lo consentiranno”

Quindi la prova  – né altre prove concorsuali per la scuola – non si svolgerà in estate.

” Il concorso si svolgerà a partire dal mese di settembre” afferma l’On. Casa (M5S)

Anche la Sen. Granato (M5S) parla di “slittamento delle prove in autunno”

Così anche la sottosegretaria Ascani (Pd) “La procedura straordinaria riservata a docenti con 36 mesi di servizio non prevede più il quiz in estate, ma una prova scritta articolata in quesiti a risposta aperta da tenersi in corso d’anno.”

Retrodatazione giuridica del ruolo

I vincitori . cioè coloro che superano la prova e avrebbero avuto il ruolo se le graduatorie fossero state pronte entro il 1° settembre ottengono la retrodatazione giuridica del contratto. Si tratta di circa 16.000 docenti su 32.000

Concorso straordinario, Senato accoglie modifiche. Cosa cambia e cosa non cambia

Versione stampabile
Argomenti: