Concorso straordinario per chi ha 3 anni di servizio o 24 CFU, atteso in estate. Cosa si sa ad oggi

WhatsApp
Telegram

Cosa si sa del concorso straordinario ter riservato a chi ha 3 anni di servizio o 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022? La procedura non è presente nel decreto PA n. 44/2023 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 aprile, ma ciò non deve stupire. Si tratta infatti di una procedura già annunciata dal Ministero e alla quale sicuramente si sta lavorando.

Il Ministero dell’istruzione e del merito ne ha già anticipato la realizzazione il 30 marzo:

In attesa di poter avviare le nuove procedure di reclutamento Pnrr, il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha aperto le necessarie verifiche per realizzare nel corrente anno un importante piano di assunzioni di personale docente. L’obiettivo, nell’ambito delle facoltà assunzionali che si riscontreranno, è di dare una significativa risposta alle esigenze degli studenti con disabilità, di garantire maggiore continuità didattica a tutti i giovani, di diminuire il precariato e di assicurare dunque il regolare avvio del prossimo anno scolastico”.

Il 6 aprile il Ministero conferma: “Inoltre, il Ministero è in procinto di avviare, in attuazione del PNRR, una procedura concorsuale per gli insegnanti che abbiano maturato 36 mesi di servizio o siano in possesso dei 24 crediti formativi universitari“.

Con l’importante piano di assunzioni di docenti che abbiamo deciso di affiancare alle misure previste dal PNRR, puntiamo a creare le condizioni per il regolare avvio del prossimo anno scolastico, assicurando la continuità didattica per gli studenti, la qualità dell’insegnamento e la riduzione del precariato. Inoltre, il Ministero fornisce una risposta pronta e significativa ai ragazzi con disabilità, con la più rilevante immissione in ruolo di docenti di sostegno degli ultimi anni, rendendo più selettive le procedure di reclutamento”, ha dichiarato il Ministro Giuseppe Valditara.

I posti a disposizione

Potranno essere circa 25mila

Concorso sia per infanzia primaria che secondaria

Secondo quanto anticipato dal sindacato Anief dopo un incontro informale al Ministero la procedura potrebbe essere bandita sia per infanzia primaria che secondaria, sia per posti di sostegno che posti comuni.

Al momento non si hanno altri dettagli. E’ infatti difficile dire se saranno coinvolte tutte le classi di concorso, e in quale misura.

3 anni di servizio negli ultimi cinque, di cui uno specifico

Il requisito di 3 anni di servizio avrà dei limiti temporali, da individuare negli ultimi cinque (probabilmente a ritroso dal 2022/23) e una di queste annualità dovrà essere specifica, di servizio svolto per la classe di concorso per la quale si partecipa. Anche su questo aspetto naturalmente ci sarà ancora molto da discutere

Prove in estate?

Diventano inverosimili. Più verosimile pensare che la procedura possa essere avviata in estate in vista delle assunzioni del 2024/25.

Questo naturalmente favorirà anche lo scorrimento  delle graduatorie del concorso ordinario anche per gli idonei,  trovando così un equilibrio tra le varie esigenze in campo.

Immissioni in ruolo 2023: graduatorie concorso 2020 scorrono anche per idonei ma vincolo triennale nuovamente attivo

WhatsApp
Telegram

Nuovi ambienti di apprendimento immersivi per le didattiche innovative proposti da MNEMOSINE – Ente riconosciuto dal Ministero Istruzione