Concorso straordinario per abilitazione. Toccafondi “non arriverà nei prossimi mesi, un docente su due nelle paritarie ne è privo”

Stampa

Concorso straordinario per l’abilitazione di cui al Decreto Dipartimentale n. 497 del 21 aprile 2020: dopo la presentazione della domanda entro il 15 luglio 2020, tutto tace e non si riesce a inserire la procedura in una programmazione con date certe.

La risposta fornita dal Sottosegretario Sasso all’interrogazione di Gabriele Toccafondi (Iv), pur parlando di “tempi stretti” non ha fornito alcuna data.

I docenti interessati avevano avuto la speranza che ci fosse un punto fermo grazie ad uno degli emendamenti presentati al Decreto Sostegni bis, che poneva come data ultima “entro il 15 dicembre”.

Ma il testo finale del Decreto Sostegni bis non ha accolto l’emendamento, per cui la data del 15 dicembre rimane più che altro una speranza.

Il concorso straordinario per l’abilitazione è riservato ai  docenti con tre annualità di servizio svolte tra l’anno scolastico 2008/09 e il 2019/20 nelle scuole statali, paritarie o IeFP (è necessaria una annualità specifica con deroga per i docenti già di ruolo.

La procedura, che si attendeva nel corso dell’anno scolastico 2020/21, non è mai stata svolta per numerose problematiche.  In linea teorica avrebbe dovuto essere organizzata subito dopo l’espletamento della prova scritta del concorso straordinario  per il ruolo di cui al DD n. 510 del 23 aprile per dare la possibilità a chi non aveva superato quella prova di ritentare con una nuova procedura ma l’acuirsi dell’emergenza sanitaria ha reso difficile l’organizzazione.

Tutto rinviato all’anno scolastico 2021/22 dunque. Rinviata così la possibilità di iscrizione negli elenchi aggiuntivi alla prima fascia GPS, o di chiedere il passaggio di cattedra /ruolo nel caso dei docenti già di ruolo.

I percorsi di abilitazione in Italia sono fermi dal 2014, e un numero molto elevato di supplenze fino allo scorso anno scolastico è stato attribuito a docenti privi del titolo di abilitazione specifica.

La prova del concorso straordinario per l’abilitazione

La prova della procedura straordinaria  per l’abilitazione nella scuola secondaria di I e II grado consiste in una prova scritta computer based  composta da 60 quesiti a risposta multipla della durata di 60 minuti (fermi restando eventuali tempi aggiuntivi per candidati di cui all’art. 20 della legge 104/92).

Un docente su due nelle scuole paritarie non ha abilitazione

La risposta del sottosegretario Sasso non ha convinto l’on. Toccafondi, che replica

Intanto, però, nei vari istituti sempre più insegnanti non hanno abilitazione. Nelle paritarie uno su due ne è privo, e la responsabilità è del ministero. Nel novembre 2018, l’allora ministro abolì il percorso Fit (formazione iniziale e tirocinio), senza preveder un percorso formativo alternativo. Nel 2019 nel Decreto Scuola, in attesa di un nuovo percorso formativo e abilitante, era stato previsto un ‘concorso ponte’ per consentire ai migliaia d’insegnanti che stanno lavorando di abilitarsi. Un concorso mai partito e che la risposta all’interrogazione di oggi del ministero conferma, non arriverà nei prossimi mesi”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur