Concorso straordinario, TAR Lazio: sì alle prove suppletive per chi non ha potuto partecipare

Stampa

Il Tar del Lazio si è espresso sulle prove suppletive del concorso straordinario scuola secondaria ed ha riconosciuto il diritto dei candidati impossibilitati a partecipare alle prove secondo calendario, di poter svolgere delle prove suppletive.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis), accoglie l’istanza cautelare e dispone l’effettuazione di prove suppletive nei termini che l’Amministrazione indicherà ai ricorrenti.

Adesso la decisione del TAR Lazio verrà notificata al Ministero affinché provveda ad assumere tutti i provvedimenti necessari per ottemperare alla decisione del giudice.

L’ORDINANZA DEL TAR LAZIO

In precedenza, ricordiamo, anche il Consiglio di stato si era espresso in questi termini: chi non ha potuto partecipare al concorso straordinario a causa del covid, deve poter svolgere le prove suppletive.

Concorso straordinario: sì alle prove suppletive, Consiglio di Stato conferma. Rigettato appello del Ministero

 

Per quanto riguarda il concorso straordinario scuola secondaria, ricordiamo che era partito ad ottobre scorso e bloccato a novembre a causa della pandemia. E’ stato sbloccato proprio pochi giorni fa dall’ultimo Dpcm: “È possibile lo svolgimento in presenza delle prove concorsuali selettive, con un numero di candidati non superiore a 30 per ciascuna sessione o sede di prova”, recita il Dpcm del 14 gennaio.

Gli ultimi 4 giorni di prove, si svolgeranno fra il 15 e il 19 di febbraio, con una media di 10 candidati per aula, dunque nei limiti previsti dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dello scorso 14 gennaio 2021.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur